1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: l’euro si conferma tonico nonostante Lisbona

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La moneta unica conferma i guadagni nonostante le notizie in arrivo da Lisbona. Dopo la crisi finanziaria è ora il momento di quella politica. Le dimissioni del governo lusitano, che potrebbero spingere il Portogallo a chiedere gli aiuti finanziari targati Ue- Fmi, gettano nuove ombre sulla tenuta del debito della periferia dell’Eurozona. Come se non bastasse Fitch ha preso la palla al balzo per declassare il merito di credito di Lisbona da A+ ad A- e il rating del debito a breve da F1 a F2. L’agenzia ha inoltre posto sotto osservazione il giudizio per un possibile nuovo ribasso (rating watch negativo). Intanto il decennale di Lisbona è salito al 7,9% ed il corrispondente titolo irlandese si conferma sopra il 10%.

Ma l’euro come detto sembra non risentire di queste indicazioni ed in linea con il buon andamento dei listini azionari quota 1,4175 contro dollaro, +0,5% rispetto al dato precedente, e 114,72 yen, +0,6%. Secondo John J. Hardy, consulente di Saxo Bank, “il mercato è ancora condizionato dalla retorica secondo cui la Bce aumenterà i tassi nonostante la crisi del debito sovrano ed il prossimo salvataggio del Portogallo”.

Indicazioni a due velocità dal fronte macro statunitense. Decisamente sotto le stime gli ordini di beni durevoli, sia in versione completa che in quella depurata della componete trasporti. Nel primo caso il dato ha messo a segno un -0,9% m/m (consenso +1%) mentre nel secondo l’indice è sceso dello 0,6% m/m (+2%). Sostanzialmente in linea con le stime invece le nuove richieste di sussidio, che con un calo a 382 mila unità si sono confermate sotto le 400 mila unità.

La moneta unica guadagna terreno anche contro la sterlina, penalizzata dal calo dello 0,8% messo a segno dalle vendite al dettaglio a febbraio e dalle indicazioni arrivate ieri dalle minute della Bank of England, che hanno evidenziato una certa indecisione, confermata dai dati di oggi, all’interno del comitato di politica monetaria. Per acquistare un euro sono necessari 0,8796 sterline mentre il cable, il cambio sterlina-dollaro si attesta a 1,6114 (-0,8%).

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

La moneta unica conferma i guadagni nonostante le notizie in arrivo da Lisbona. Dopo la crisi finanziaria è ora il momento di quella politica. Le dimissioni del governo lusitano, che potrebbero spingere il Portogallo a chiedere gli aiuti finanziari targati Ue- Fmi, gettano nuove ombre sulla tenuta del debito della periferia dell’Eurozona. Come se non […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…