Forex: l'euro si conferma sopra 1,3 dollari, focus sull'asta di Btp

Inviato da Luca Fiore il Mar, 26/02/2013 - 17:55
Seduta altalenante per il cambio eurodollaro che dopo esser sceso in quota 1,3018, il livello minimo dal 7 gennaio, ha recuperato terreno e attualmente quota in sostanziale parità a 1,3056.

Le elezioni politiche italiane non hanno fatto emergere una maggioranza nei due rami del Parlamento e il maggior pericolo per il nostro Paese, in un momento di estrema delicatezza, è rappresentato dall'ingovernabilità.

I mercati hanno fiutato il pericolo e, in attesa dell'asta di Btp a 5 e 10 anni in calendario per domani, hanno spinto al rialzo il rendimento dei Bot semestrali all'1,237%, contro lo 0,731% dell'asta di titoli con analoga durata tenuta lo scorso 29 gennaio.

Per la moneta unica ora "si aprono -rileva Vincenzo Longo, Market Strategist di IG- le porte per un test a 1,30 nelle prossime sedute". "Già domani -continua Longo- questo livello potrebbe essere testato se le aste italiane dovessero deludere".

In qualunque caso, "ci aspettiamo che il cross possa andare sotto l'1,30 già prima del meeting della Bce della prossima settimana".
COMMENTA LA NOTIZIA