Forex: l'euro ritraccia i guadagni, guadagna terreno lo yen

Inviato da Luca Fiore il Ven, 16/07/2010 - 17:54
Dopo i massimi da due mesi in corrispondenza della barriera posta a 1,3, la moneta unica ritraccia i guadagni nel cross con il biglietto verde quotando in questo momento 1,2922. Il superamento di quota 1,3, massimo di seduta a 1,3007, aveva potuto beneficiare da un lato delle tensioni legate ai debiti sovrani in Europa, che ultimamente sembrerebbero essersi ridimensionate, e dall'altro della debolezza mostrata negli ultimi tempi dal fronte macroeconomico a stelle e strisce.

Deludenti anche le indicazioni arrivate oggi: l'inflazione a giugno ha messo a segno il terzo calo consecutivo registrando un -0,1% (in linea con le attese, +0,2% per il dato "core") e la fiducia dei consumatori misurata dall'Università del Michigan è scesa a 66,5 punti. Oggi a favore della moneta unica hanno giocato anche le dichiarazioni del premier cinese Wen Jaibao, che ha ribadito che il Vecchio continente "è uno dei più importanti mercati dove investire le riserve del Celeste Impero".

Ma oggi non ci sono solo i dati macroeconomici a ribadire che la ripresa sarà più lenta di quanto preventivato. I numeri trimestrali di colossi del calibro di Citigroup, Bank of America e General Electric hanno confermato che il giro d'affari stenta a ripartire e che la tenuta dei conti si deve quasi esclusivamente al drastico taglio dei costi (forza lavoro in primis) attuato nei mesi precedenti. I dubbi sulla forza della ripresa globale stanno favorendo il ritorno dello yen, con il cross usd/jpy in calo ai minimi da 6 mesi a 86,460 (-1%).
COMMENTA LA NOTIZIA