1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: l’euro ritraccia dopo l’ok di Draghi all’acquisto di bond

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Via libera della Bce agli acquisti di bond dei Paesi in difficoltà. Lo ha annunciato il n.1 dell’Eurotower Mario Draghi nella consueta conferenza stampa che fa da corollario alle riunioni del board, che oggi ha confermato il costo del denaro di Eurolandia allo 0,75%. “Oggi la Bce ha deciso le modalità del programma di acquisto di bond”, ha detto il chairman. “Gli acquisti dei titoli di Stato sono coerenti con il mandato della Bce” e necessari a “difendere l’integrità della politica monetaria dell’Eurozona”.

Draghi, in linea con le indiscrezioni circolate ieri, non ha posto un limite quantitativo agli acquisti di bond precisando che in qualunque caso saranno sterilizzati. Draghi ha inoltre rimarcato che il processo di consolidamento dei conti rappresenta un elemento “necessario” perché la Bce possa intervenire sul secondario.

Nonostante le misure annunciate dalla Bce, l’euro quota in calo nel cross con il dollaro che dopo aver aggiornato questa mattina i massimi da due mesi a 1,2651, in questo momento arretra a 1,2571 dollari. Segno più invece per il cambio con la divisa nipponica, in crescita di oltre lo 0,4% a 99,22 yen dopo aver toccato il livello maggiore dal 5 luglio.

Il differente andamento è attribuibile ai dati migliori del previsto arrivati dal mercato del lavoro statunitense che hanno favorito il rafforzamento del biglietto verde. La scorsa settimana le nuove richieste di sussidio sono scese più delle attese a 365 mila unità mentre la stima Adp ha registrato un saldo positivo di 201 mila buste paga, contro le +140 mila del consenso. Se il miglioramento del mercato del lavoro domani venisse confermato dai dati relativi le payrolls ed il tasso di disoccupazione, le possibilità che la Fed approvi nuove misure di stimolo nel corso del prossimo meeting scenderebbero drasticamente.