1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: l’euro ritraccia dopo commenti S&P sulla Grecia, in affanno l’Aussie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dietrofront dell’euro dopo aver toccato nelle prime battute della giornata i massimi dallo scorso 9 giugno. La corsa del cross euro/dollaro si è fermata a 1,4578 dollari per poi ritracciare a 1,4525 (quotazione alle ore 10.55). Discesa dell’euro susseguente alla nota di Standard & Poor’s sul possibile rollover del debito greco in scadenza, interpretato come un possibile default selettivo. “E’ nostra opinione – rimarca la nota odierna di S&P – che ciascuna delle due opzioni di finanziamento proposte della Federation Bancaire Francaise (FBF) porterebbe a un default secondo i nostri criteri “.

La stessa agenzia di rating lo scorso mese aveva ridotto il proprio giudizio sul merito di credito della Grecia a “CCC” da “B”. A prescindere dall’implementazione o meno delle proposte francesi, S&P continua a rimarcare come sul merito di credito della Grecia continua a gravare l’incertezza sulla capacità di Atene di tenere fede agli impegni presi con Ue e Fmi.

Tra le altre valute, si rafforza lo yen (+0,225% sul dollaro e +0,53% sull’euro) dopo che il governatore della Banca del Giappone, Masaaki Shirakawa, ha dichiarato che l’economia nipponica sta mostrando segnali di ripresa dopo il terremoto dell’11 marzo anche se permangono problemi sul versante della produzione. Debole invece il dollaro australiano che paga i deludenti riscontri arrivati dalle vendite al dettaglio di maggio che hanno registrato un calo pari allo 0,6% m/m. Il dato segue il +1,2% registrato ad aprile. La lettura ha deluso le attese degli analisti che si attendevano un rialzo pari allo 0,3%.