Forex: l'euro rimbalza in scia dei listini

Inviato da Luca Fiore il Lun, 28/11/2011 - 17:29
La risalita dei listini azionari spinge al rialzo le valute ad alto rendimento. Gli operatori stanno scommettendo sul fatto che i timori relativi la fine della moneta unica potrebbero portare ad un'accelerazione del processo riformatore nel Vecchio continente. "È necessario un cambiamento degli attuali trattati per dare alla Commissione europea potere di veto sui bilanci degli Stati membri", ha detto il Ministro delle Finanze Tedesco Wolfgang Schaeuble, secondo cui "si tratta di una riforma che può essere attuata in tempi brevi ". Schaeuble ha poi smentito le indiscrezioni relative gli "elite-bond", le obbligazioni emesse esclusivamente dai Paesi europei che possono vantare la tripla A.

Sul valutario il buonumore degli operatori sta quindi favorendo le valute considerate più rischiose. Dopo i minimi da quasi due mesi toccati venerdì a 1,3213, la moneta unica in questo momento quota in rialzo dello 0,35% contro il dollaro a 1,3354. Il dollar index, l'indicatore che valuta l'andamento del biglietto verde contro un basket di valute, dopo i 79,7 punti toccati venerdì scorso in questo momento segna una contrazione dello 0,85% a 79 punti. +1 punto percentuale per il cambio euroyen che si porta a 104,46.

Per quanto riguarda le commodity currencies, +0,9% per l'audusd e +0,7% per il cambio dollaro neozelandese/dollaro Usa (nzdusd). Oltre che del ritorno della propensione al rischio, quest'ultimo incrocio beneficia dell'esito delle elezioni politiche, che hanno decretato la rielezione del primo ministro John Key.

Dal fronte macro, la fiducia dei consumatori tedeschi a dicembre è salita da 5,4 a 5,6 punti, mentre l'inflazione, sempre in Germania, nel mese in corso si è attestata al 2,4%, dal 2,5% di ottobre. Dagli Stati Uniti indicazioni sotto le attese dalle vendite di case nuove, che ad ottobre si sono attestate a 307 mila unità.
COMMENTA LA NOTIZIA