Forex: l'euro recupera terreno, vicina la soluzione della questione greca

Inviato da Luca Fiore il Ven, 30/04/2010 - 17:49
Continua il timido recupero della moneta unica, che scambia a 1,3300 contro dollaro, mettendo a segno un rialzo dello 0,38% (minimo di seduta a 1,3224). L'euro prova a risalire la china in scia dell'imminente soluzione della vicenda greca. Jean-Claude Juncker, presidente dell'Eurogruppo, ha convocato per domenica una riunione straordinaria dei ministri della Zona Euro. In calo quindi i credit default swap, le polizze per assicurarsi contro il default di Atene, che si sgonfiavano tornando a scambiare a 600 punti, dagli 800 di qualche giorno fa.

Non hanno mosso più di tanto il cross gli importanti dati macro di oggi, con il dato sul Pil statunitense del primo trimestre 2010 in crescita del 3,2%; il dato nonostante sia inferiore di 10 punti base rispetto alle stime, evidenzia la crescita dei consumi maggiore degli ultimi 3 anni. Sempre dagli Usa, hanno stupito in positivo il Pmi, a 63,8 punti, e la fiducia misurata dall'Università del Michigan, che in versione definitiva si è attestata a 72,2 punti. Per quanto riguarda il Vecchio continente invece, nella prima parte di seduta era stato annunciato il +1,5% a/a dell'inflazione ed il 10% messo a segno dalla disoccupazione.

La giornata si è poi caratterizzata dal ritorno dell'appetito per il rischio, che ha inevitabilmente penalizzato lo yen, utilizzato come rifugio nei momenti di difficoltà. La moneta nipponica arretra sia contro euro, a 125,32, che nel cross con il dollaro, scambiando a 94,200.
COMMENTA LA NOTIZIA