Forex: euro recupera posizioni all'indomani della frenata Ue su aiuti Grecia

Inviato da Titta Ferraro il Mer, 15/02/2012 - 12:17
Prima parte di giornata in moderato progresso per l'euro dopo la doccia fredda arrivata ieri sul fronte Grecia. "Non ci sono le garanzie sufficienti", ha detto ieri sera il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Junker a margine della decisione di voler cancellare l'incontro dell'Eurogruppo. L'Europa ha di fatto bloccato gli aiuti ad Atene e ha rimandato a data da destinarsi la riunione dell'Eurogruppo che avrebbe dovuto dare il via libera agli aiuti al Paese ellenico. Il piano di austerity greco, che doveva servire a garantire la tranche di aiuti internazionali da 130 miliardi di euro, necessita ancora di qualche "lavoro tecnico" siu alcuni settori.
Reazione abbastanza stizzita di Atene con il ministro delle Finanze ellenico, Evangelos Venizelos, che ha sottolineato come restino solo poche questioni da risolvere. Secondo il Ministro c'è chi nella Zona Euro "sta giocando con il fuoco".

Il cross euro/dollaro viaggia a 1,3155 dollari dopo aver toccato un massimo intraday a 1,3191. "Gli investitori sembrano beneficiare delle parole della notte del governatore della Banca centrale cinese (Pboc), Zhou Xiaochuan", commenta Vincenzo Longo, Market Strategist di IG Markets. Xiaochuan ha affermato che la Cina ha interesse ad aiutare l'Europa affinché superi questo momento di difficoltà.

Confortanti anche le indicazioni arrivate dal fronte macro. L'economia dell'eurozona si è contratta meno del previsto nel quarto trimestre 2011 (-0,3% t/t rispetto al -0,4% atteso). A mostrare i muscoli è stata la Francia salita a sorpresa a livello congiunturale dello 0,2 per cento rispetto al -0,1% atteso. Meglio delle attese anche la prima economia del Vecchio continente, la Germania, con una contrazione dello 0,2% t/t rispetto al -0,3% atteso. Male invece l'Italia che entra in recessione tecnica con un -0,7% congiunturale del Pil e -0,5% a livello tendenziale.
COMMENTA LA NOTIZIA