1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: l’euro prova a risalire, il ritorno dell’appetito per il rischio penalizza lo yen

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo le notizie degli ultimi giorni, giornata relativamente tranquilla per il mercato valutario, con da un lato il timido recupero dell’euro e dall’altro l’indebolimento dello yen, che dopo aver offerto rifugio nel corso della burrasca ora viene penalizzato dagli operatori. L’allarme lanciato da Standard & Poor’s sul debito di Grecia, Portogallo e Spagna (secondo alcuni commentatori il nostro Paese potrebbe essere il prossimo), oltre ad aver fatto toccare al cross euro/dollaro i minimi da un anno, potrebbe aver dato la scossa alla situazione greca, che tra difesa di interessi di bottega e beghe interne sembrava esser finita in un vicolo cieco.

Il Commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, oggi a Bruxelles ha annunciato che le procedure per far arrivare i fondi fino ad Atene dovrebbero essere completate entro pochi giorni e che l’opposizione tedesca è destinata ad essere superata.

La moneta unica scambia a 1,3224 (+0,22%) contro dollaro, dopo un minimo di seduta toccato a 1,3183. Il normalizzarsi delle condizioni di mercato sta mettendo sotto pressione lo yen, che perde terreno contro euro (124,49), dollaro (94,130) e sterlina (143,72) in corrispondenza del ritorno dell’appetito per il rischio.

Dal fronte macro, indicazioni positive dalla fiducia in Europa (fiducia economica in crescita a 100,6, sentiment del settore industriale e dei servizi in risalita a -7 e 5, e stabile a -15 la fiducia dei consumatori), -0,1% annuo per la massa monetaria M3 a marzo, disoccupazione tedesca in calo al 7,8% e, nella seconda parte, calo minore delle attese per le nuove richieste di sussidio statunitensi, a 448 mila.