Forex: euro mantiene intonazione ribassista, deboli dati cinesi penalizzano le commodity currency

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 11/05/2012 - 10:04
L'incertezza che caratterizza oggi i mercati, complice soprattutto l'annuncio di JP Morgan di perdite sui mercati finanziari nelle ultime sei settimane per 2 miliardi di dollari collegate ad errate valutazioni nelle operazioni di copertura dei rischi tramite prodotti derivati, si riflette sull'andamento dell'euro che ha toccato un minimo a 3 mesi sul dollaro a quota 1,2904.

Michael Hewson, Senior Analyst a CMC Markets, sottolinea oggi come sia possibile una momentanea ripresa della valuta europea dopo le ultime due settimane di continui ribassi. "l'impostazione rimane ribassista - dice Hewson- ma ci aspettiamo un possibile pullback - intorno a 1,3060 dollari. Sotto 1,3085 si ripropone di rivedere 1,2630".

Intanto sul fronte greco si apre qualche spiraglio di un successo dei negoziati per la creazione di un governo di unità nazionale. Il leader del Pasok, Evangelos Venizelos, perzo leader di partito a cercare di formare un governo, oggi incontrerà il leader conservatore Antonis Samaras e quelli dei due partiti di sinistra. Dal leader di uno di questi, Fotis Kouvelisil (Dimar, Partito della Sinistra Democratica) è arrivata ieri un primo spiraglio di alleanza per la formazione di un governo di unità nazionale.

Finale di ottava con segno meno per le principali commodity currency dopo la tornata negativa di dati arrivati stamattina dalla Cina. Ad aprile la produzione industriale cinese ha mostrato un rialzo del 9,3% su base annuale rispetto al precedente +11,9%. Il mercato si attendeva una crescita del 12,2%. Inferiori alle attese anche le vendite al dettaglio (+14,1% annuo contro le stime degli analisti pari a +15,1%).
Il dollaro australiano è sceso nuovamente a ridosso della parità con il dollaro Usa (1,0022) dopo il temporaneo rimbalzo della vigilia in scia ai robusti dati sul mercato del lavoro australiano. Per la divisa australiana si tratta dei minimi a 4 mesi e mezzo.
COMMENTA LA NOTIZIA