1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: euro ancora a fari spenti, si rafforza lo yen dopo dati su pil

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prosegue il momento negativo dell’euro che staziona ancora nei pressi dei minimi a 9 mesi rispetto al dollaro. Il cross euro/dollaro si sta mantenendo in questa prima parte della giornata a cavallo di quota 1,36 dollari in attesa delle risultanze che arriveranno dal vertice odierno tra i ministri delle Finanze dell’Unione Europea. Venerdì la Moneta Unica Europea aveva toccato un minimo a 1,3532 dollari, livelli che non vedeva dallo scorso 8 maggio.

Dall’incontro tra i ministri delle Finanze dell’Eurozona, in programma oggi pomeriggio alle 17.00, si attendono ulteriori dettagli sulle modalità dell’intervento di supporto alla Grecia. Settimana scorsa era stato il turno dei capi di Stato e di governo che hanno confermato l’appoggio pieno allo Stato ellenico, senza però sostenere per il momento nessun esborso finanziario vedendo quali risultati arriveranno dalla stretta fiscale annunciata da Atene. La reazione dell’euro è stata negativa nonostante i segnali di miglioramento arrivati dal mercato obbligazionario e dai Cds (Credit Default Swap) sulla Grecia. “Il mercato ora valuta meno probabile un default della Grecia – rimarcano oggi da Barclays Capital – perché si ritiene che l’Ue salverà la Grecia nel caso la situazione peggiori”. Di contro, prosegue nel suo ragionamento Barclays Capital, questo coinvolgimento “creerà maggiori pressione sulle finanze pubbliche dei Paesi chiave dell’area euro come la Germania” e inevitabilmente queste attese mettono sotto pressione l’Euro.

In assenza della bussola statunitense (Wall Street oggi tiene chiusi i battenti in occasione del President Day), la giornata risulta scarna di dati economici di rilievo. Gli unici dati importanti sono arrivati dal Giappone. Il prodotto interno lordo è cresciuto dell’1,1% nell’ultimo trimestre del 2009. Crescita oltre le attese che erano ferme a +0,9%. Se si allarga l’orizzonte temporale su base annua il pil risulta in calo del 5% a/a. Revisione al ribasso invece per la produzione industriale: la lettura finale evidenzia come nel mese di dicembre il dato ha evidenziato un miglioramento dell’1,9% rispetto al +2,2% della precedente lettura.
Dati che hanno portato a un lieve rafforzamento dello yen. Il cross dollaro/yen si è portato nell’ultima ora sotto la soglia dei 90 yen a 89,94 (-0,17%).