Forex: euro aggiorna minimi a 22 mesi, deboli indicazioni da Ifo e indici Pmi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Fallito tentativo di recupero questa mattina per l’euro condizionato dalle deboli indicazioni arrivate dagli indici Pmi europei e dall’Ifo tedesco. Il cross rispetto al dollaro ha toccato un nuovo minimo annuo a 1,2515, che corrisponde con il livello più basso dal luglio 2010. Tensioni sui mercati legate anche alla crisi greca che hanno spinto oggi il Bund future a toccare i nuovi massimi a quota 144,40 punti.

La lettura preliminare dell’indice Pmi manifatturiero tedesco ha evidenziato un calo a quota 45 punti dai precedenti 46,2, mentre gli analisti si aspettavano un rialzo a 47 punti. In calo anche l’indice Pmi manifatturiero dell’eurozona a quota 45 punti dai 45,9 precedenti. Decisamente inferiore alle attese anche l’indice tedesco Ifo sul clima degli affari a maggio che si è attestato a 106,9 punti dal precedente dato pari a 109,9 punti (consensus era 109,4 punti).

Tra i fattori che ieri maggiormente hanno influito sulla discesa dei mercati e dell’euro c’è sicuramente la fuga di notizie relativa all’invito da parte di Bruxelles a ciascun Paese dell’Unione a preparare un piano di emergenza relativo all’eventualità di un’uscita della Grecia dall’euro. La reazione del mercato a questa notizia, poi smentita, “fornisce un assaggio di quella che potrebbe essere la risposta in caso di effettivo sganciamento della Repubblica Ellenica dall’euro”, rimarca Asmara Jamaleh di Intesa Sanpaolo. Reazione che secondo l’esperta di Intesa Sanpaolo sarebbe presumibilmente ribassista e il downside potrebbe estendersi verso 1,20-1,18.

Intanto ieri sera i leader europei hanno espresso la ferma volontà di impegnarsi affinché la Grecia resti nell’euro, a patto che rispetti gli accordi presi con la troika. “Vogliamo che la Grecia resti nell’euro, ma deve mantenere gli impegni presi”, ha detto il cancelliere tedesco, Angela Merkel, che ha inoltre ribadito la contrarietà della Germania agli Eurobond.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…