Forex: due velocità per euro e sterlina

Inviato da Luca Fiore il Mer, 25/07/2012 - 15:55
Nowotny sostiene le ricoperture tecniche sulla moneta unica. Rimbalzo dell'euro che approfitta delle dichiarazioni rese da Ewald Nowotny, esponente della Bce e presidente della banca centrale austriaca, nel corso di un'intervista a Bloomberg Tv. "Esistono argomenti a favore di un mandato bancario per il fondo salva-Stati europeo", ha detto Nowotny. Un mandato bancario concederebbe al fondo di salvataggio l´accesso diretto ai fondi della Banca Centrale Europea incrementandone la potenza di fuoco per contrastare la speculazione e per soccorrere la Spagna nel caso in cui non dovesse farcela da sola.

"La Spagna -si legge nella nota preparata dagli analisti di FXCM- si troverà costretta a richiedere ingenti aiuti all'Unione Europea in quanto a ottobre dovrà rifinanziare circa 28 miliardi di bond, soldi che chiaramente non ha a disposizione. È già sul tavolo la richiesta di una linea di credito da utilizzare per evitare il default, da qualsiasi parte la guardiamo si tratterebbe comunque del solito circolo vizioso di denaro prestato a vicenda da stati sul quale bisognerà continuare a pagare interessi, di fronte a politiche nazionali di austerity che vanno esattamente contro quello che si sta cercando di fare a livello di politica monetaria centralizzata".

A dispetto del calo dell'Ifo ai minimi da 28 mesi, nel corso della seduta l'euro ha toccato un picco intraday a 1,2170 dollari e a 95,2 yen. A luglio l'indice relativo la fiducia delle imprese tedesche si è attestato a 103,3 punti, due punti in meno rispetto al dato precedente. Gli analisti avevano pronosticato una contrazione più contenuta a 104,5 punti. Intanto il rendimento dei decennali targati Madrid oggi ha toccato un nuovo record storico al 7,751% e lo spread con i bund si è portato a ridosso dei 650 punti (649,8).

L'euro guadagna terreno anche contro la sterlina, che oggi paga pegno ai dati sul Pil del secondo trimestre. La prima lettura del Pil d'Oltremanica ha fatto registrare un rosso dello 0,7%, in peggioramento rispetto al -0,3% dei primi tre mesi. Gli analisti avevano previsto una contrazione minore (-0,2%). Si tratta del trimestre peggiore dal Q1 2009. Su base annua, la flessione è stata dello 0,8% contro il -0,2% della precedente rilevazione e al -0,3% del consensus. Per acquistare un euro sono attualmente necessarie 0,7843 sterline, lo 0,8% in più rispetto al dato precedente, mentre il cable (gbp/usd) arretra a 1,5487.
COMMENTA LA NOTIZIA