1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: downgrade di S&P al Giappone azzoppa lo yen, in affanno anche l’Aussie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Violenta la reazione del mercato con lo yen in calo rispetto a tutte le altre principali valute. Il cross dollaro/yen è arrivato a crescere di oltre l’1% a quota 83,18 yen. Il cross euro/yen alle 10.15 viaggia a 113,15 yen (+0,46%).

Standard and Poor’s ha rivisto al ribasso il rating sul debito del Giappone. Il rating è passato da “AA” a “AA-“. Si tratta del primo taglio di rating dal 2002. Il downgrade riflette la preoccupazione circa le difficoltà a ridurre il carico del più grande debito del mondo. L’outlook è rimasto stabile in virtù soprattutto della forte bilancia commerciale nipponica.

S&P ritiene che i ratios relativi al debito continueranno a crescere più di quanto si prevedeva prima dello scoppio della recessione economica globale. I disavanzi di bilancio sono visti elevati per prossimi anni con il picco che potrebbe essere raggiunto a metà del prossimo decennio. Elevato debito che rischia di ridurre la flessibilità fiscale del governo, che risulta già oggi carente. Le stime di S&P’s sono di cali sono modesti del deficit fiscale che nell’esercizio fiscale 2010 (che termina il 31 marzo 2011) è stimato pari al 9,1% del pil. Nel 2013 è visto scendere all’8%.

Tra le altre valute spicca il calo del dollaro australiano (-0,71% rispetto al dollaro Us). Il primo ministro australiano, Julia Gillard, ha annunciato l’arrivo di una tassa una tantum che servirà a raccogliere 1,8 mld di dollari australiani per affrontare i costi di ricostruzione susseguenti le inondazioni che hanno colpito il Paese nelle scorse settimane. Un’imposta dello 0,5% verrà applicata sui redditi tra 50.001 $A e 100.000 $A, mentre un prelievo dell’1% sarà applicato sui reddito superiori ai 100.000 $A.
I danni delle inondazioni sono stati stimati in circa 5,6 miliardi di dollari australiani con un incidenza negativa dello 0,5% sul pil.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.