Forex: dollaro stabile, in evidenza le commodity currencies

Inviato da Luca Fiore il Lun, 30/05/2011 - 16:14
Il dollaro quota stabile in una seduta caratterizzata dai bassi volumi a causa della chiusura di Londra e New York. Il dollar index, l'indicatore che misura l'andamento del biglietto verde contro un basket di valute, scambia invariato di poco sotto i 75 punti a 74,93. Sul valutario per acquistare un euro sono necessari 1,4265 dollari mentre il cambio dollaro/yen si conferma a 80,860.

In Europa è sempre la Grecia a catalizzare l'attenzione degli operatori. Nel corso della settimana è atteso il verdetto da parte degli ispettori del Fondo Monetario e la decisione sull'eventuale rilascio della quinta tranche del pacchetto di aiuti. Oggi da Atene il premier Papandreou ha annunciato di voler portare avanti il nuovo piano di austerità a dispetto dell'opposizione parlamentare.

Sotto i riflettori anche le c.d. commodity currencies. Il dollaro neozelandese oggi è stato temporaneamente spinto al rialzo dal dato relativo la bilancia commerciale, che ad aprile ha registrato un surplus quasi raddoppiato a 1,11 miliardi di dollari neozelandesi, contro il consenso Bloomberg di 600 mln NZ$. Il kiwi ha così spinto il dollaro Usa (nzdusd) fino in quota 82,11 centesimi di dollaro, il valore maggiore di sempre; in questo momento l'incrocio scambia a 81,73 centesimi.

Il evidenza anche il dollaro canadese. Nel primo trimestre il Pil del Paese Nord-Americano è cresciuto del 3,9% annualizzato, maggiore del +3,1% precedente ma al di sotto del +4% atteso. A marzo il dato messo a segno un +0,3%, dal -0,1% della precedente rilevazione. Il loonie scambia a 1,3946 contro euro ed a 0,9777 nel cross con il dollaro Usa.
COMMENTA LA NOTIZIA