Forex: dollaro prova la risalita a inizio ottava

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Movimento rialzista oggi per il dollaro statunitense reduce da un’altra settimana intonata al ribasso. Il cross tra euro e dollaro segna un calo dello 0,58% a quota 1,072. Venerdì il dollaro non aveva esultato davanti alle non farm payrolls di gennaio, andate ben oltre le attese (+227 mila posti di lavoro a fronte dei 180 mila delle previsioni medie), complice la contemporanea debolezza della crescita delle retribuzioni che “getta un’ombra sulle prospettive d’inflazione e sulla storia della ripresa più veloce”, commentano oggi gli analisti di Swissquote. A gennaio le retribuzioni orarie sono aumentate dello 0,1% m/m (previsione media: 0,3%). “I dati suggeriscono un corso più lento per gli aumenti del tasso d’interesse dalla Federal Reserve perché, stando ai dati ufficiali, il tasso di disoccupazione basso non si è tradotto in una crescita dei salari che darebbe una spinta all’inflazione”, afferma Arnaud Masset, Market Strategist di Swissquote Europe.