1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: dollaro debole dopo verbali Fomc

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il dollaro si deprezza sul mercato forex dopo la pubblicazione dei verbali di marzo del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve (Fed). Il cross euro/dollaro è tornato ad agganciare la soglia di 1,3850. Una debolezza che prosegue anche oggi: poco dopo le 10.30 il cambio viaggia in area 1,3861.

Ieri la banca centrale americana ha diffuso le minute dell’ultimo incontro del Fomc e all’unanimità si è deciso che il target del 6,5% del tasso di disoccupazione (che secondo la “forward guidance’ avrebbe fatto scattare l’incremento del costo del denaro) è obsoleto e va rimosso. “In relazione alla ‘forward guidance’ relativa l’andamento dei tassi sui federal funds, i membri hanno ritenuto che con il tasso di disoccupazione prossimo alla discesa sotto il 6,5% è appropriato rimpiazzare l’attuale soglia”, si legge nelle minute. “Il comitato ha ritenuto opportuno rilevare che anche se l’occupazione e l’inflazione sono nei pressi di livelli ritenuti coerenti con il proprio mandato, le condizioni economiche potrebbero portare, per qualche tempo, alla conferma dei tassi sui federal funds al di sotto dei livelli ritenuti normali nel lungo periodo”, precisa la nota della Fed.

“Nulla di nuovo rispetto a quanto comunicatoci durante la conferenza stampa che ha seguito le decisione presa a metà marzo, ma sufficiente a far partire movimenti di indebolimento del dollaro americano, sia sul fronte valutario che sul fronte dell’oro, e di ripresa dei corsi azionari, con lo S&P500 che ha superato quota 1,860.00 portandosi oltre 1,870.00 e dimostrando dunque come il mercato non sia, per il momento, ancora pronto a scendere in maniera strutturale”. Questo il commento di Matteo Paganini di Fxcm.