1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: il dollar index ai minimi da un mese, debole anche l’aussie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Cina spedisce il dollaro ai minimi da un mese. Secondo Guan Tao, funzionario dell’Agenzia statale che si occupa del mercato valutario, “in questo momento è pericoloso detenere dollari, poiché Washington potrebbe attuare una politica tesa all’indebolimento del biglietto verde ed all’innalzamento dell’inflazione”. Dichiarazioni che stanno facendo arretrare il dollar index, l’indicatore che misura l’andamento del biglietto verde contro un basket di valute, di mezzo punto percentuale a 73,57 punti, a livelli che non si vedevano da inizio maggio.

Ma non solo la debolezza del dollaro. L’euro beneficia dell’apertura di Jean Claude Trichet al rollover del debito greco, di un reinvestimento cioè dei bond in scadenza. Secondo il n.1 dell’Eurotower, che ha definito il rollover del debito “appropriato”, si tratta di un’operazione che non “costituirebbe un default”. Di diverso avviso le agenzie di rating. Dopo Fitch anche Moody’s ha messo in chiaro che una misura del genere sarebbe equiparata al fallimento.

Indicazioni positive anche dai dati macro. Le vendite al dettaglio nell´Eurozona ad aprile hanno registrato un +0,9% mensile mentre gli ordini all’industria tedeschi sono saliti del 2,8% m/m. L’eurodollaro quota in rialzo a 1,4670 mentre il cross con la divisa giapponese sale a 117,61 yen.

In calo invece il dollaro australiano, che nel giorno della conferma da parte della Reserve Bank del costo del denaro al 4,75% sconta le dichiarazioni della stessa RBA, secondo la quale “nei prossimi 12 mesi l’inflazione si attesterà nei pressi dei target”. L’aussie quota 1,0714 dollari Usa e 1,3692 nell’euraud.