Forex: decisione Fed penalizza l'euro, inatteso il timing

Inviato da Redazione il Ven, 19/02/2010 - 10:24
Ieri sera, dopo la chiusura di Wall Street, la Federal Reserve ha alzato il tasso di sconto da 0,50& a 0,75%. La banca centrale americana ha dunque giocato d'anticipo, movimentando i mercati azionari e quelli valutari. Una mossa che sta favorendo il dollaro. Alle 10.16 il cambio euro/dollaro si muove in area 1,3511 dopo essere sceso sotto quota 1,35 dollari sui minimi a 9 mesi. "Questa decisione non è da leggersi come l'avvio di una restrizione monetaria cui seguirà nell'immediato anche un rialzo dei Fed funds - spiegano gli analisti dell'ufficio studi di Intesa Sanpaolo -. Come la stessa Fed ha tenuto a precisare è da interpretarsi come una mossa di normalizzazione, e non rappresenta un segnale di modifica del sentiero di politica monetaria". Secondo gli esperti la combinazione dell'ultime mosse della Fed e la cautela che ha espresso nel valutare la ripresa degli Stati Uniti dovrebbe sostenere la stabilizzazione del dollaro e un modesto graduale consolidamento. "La decisione a sorpresa della Fed ha fortemente penalizzato l'euro, non tanto per la mossa in sé, attesa dai mercati, quanto per il timing", hanno precisato gli analisti di Intesa Sanpaolo.
COMMENTA LA NOTIZIA