1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Forex: decisione Fed penalizza l’euro, inatteso il timing

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ieri sera, dopo la chiusura di Wall Street, la Federal Reserve ha alzato il tasso di sconto da 0,50& a 0,75%. La banca centrale americana ha dunque giocato d’anticipo, movimentando i mercati azionari e quelli valutari. Una mossa che sta favorendo il dollaro. Alle 10.16 il cambio euro/dollaro si muove in area 1,3511 dopo essere sceso sotto quota 1,35 dollari sui minimi a 9 mesi. “Questa decisione non è da leggersi come l’avvio di una restrizione monetaria cui seguirà nell’immediato anche un rialzo dei Fed funds – spiegano gli analisti dell’ufficio studi di Intesa Sanpaolo -. Come la stessa Fed ha tenuto a precisare è da interpretarsi come una mossa di normalizzazione, e non rappresenta un segnale di modifica del sentiero di politica monetaria”. Secondo gli esperti la combinazione dell’ultime mosse della Fed e la cautela che ha espresso nel valutare la ripresa degli Stati Uniti dovrebbe sostenere la stabilizzazione del dollaro e un modesto graduale consolidamento. “La decisione a sorpresa della Fed ha fortemente penalizzato l’euro, non tanto per la mossa in sé, attesa dai mercati, quanto per il timing”, hanno precisato gli analisti di Intesa Sanpaolo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Petrolio in rialzo nel giorno della riunione Opec

Le quotazioni del petrolio sono impostate al rialzo nel giorno della riunione Opec durante la quale dovrebbe essere raggiunto un accordo che prevede l’estensione di ulteriori 9 mesi ai tagli alla produzione annunciati lo scorso novembre. In questo m…

COMMODITY

Petrolio: scorte scendono più del previsto, WTI stabile a 51,4$

Nella settimana al 19 maggio le scorte di petrolio statunitensi hanno segnato un calo di 4,4 milioni di barili attestandosi a 516,3 milioni. Gli analisti avevano stimato una riduzione di 2,4 milioni di barili.

Segno meno anche per gli stock di be…

COMMODITY

Petrolio stabile in attesa del meeting Opec

Stabili le quotazioni del petrolio in attesa del meeting Opec di domani. Questa mattina il prezzo del Wti (riferimento americano) mostra un leggero rialzo dello 0,25% a 51,61 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) si mantiene sopra …