1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Forex: il dato sul Pil impatta sul dollaro, giù per la terza seduta consecutiva

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel primo pomeriggio il dollaro ha accelerato il suo deprezzamento nei confronti delle principali valute internazionali. Il Bloomberg Dollar Index registra la terza seduta consecutiva di ribassi (-1,23%), portandosi ai livelli di inizio mese.

A fornire l’assist per la svalutazione è stato il dato sul Pil statunitense, che ha evidenziato una crescita dell’economia pari all’1,2% nel secondo trimeste. Il dato è decisamente inferiore al +2,6% stimato dagli analisti. Negativa inoltre la revisione al ribasso, dall’1,1 allo 0,8%, del dato relativo i primi tre mesi dell’anno.

Con questi numeri diminuiscono ulteriormente le probabilità di una stretta monetaria da parte della Fed entro la fine dell’anno. Al momento solo il 22 e il 23,7 per cento degli analisti contattati da Bloomberg stima un incremento del costo del denaro nei meeting in calendario il 21 settembre e il 2 novembre. Le probabilità salgono al 38,8% nel caso delle riunioni di dicembre e febbraio 2017.

Al momento il biglietto verde veleggia in area 1,1160 nei confronti dell’euro, mentre il tasso di cambio contro lo yen si trova in area 102,89.