Forex: i dati su Pil e abitazioni spingono al rialzo la sterlina

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sterlina in grande spolvero grazie alle buone notizie arrivate da Oltremanica. L’Ufficio Nazionale di Statistica ha annunciato che l’economia di sua maestà nel quarto trimestre 2009 ha messo a segno un rialzo dello 0,4% e la Nationwide Building Society ha rilevato una crescita dei prezzi delle abitazioni dello 0,7% a marzo. Per acquistare un euro sono necessari 0,888 pound, mentre il cable registra una crescita a 1,5096.

La rincorsa della moneta unica con il passare delle ore perde forza, con il cross con il dollaro che dopo aver toccato un massimo di seduta a 1,3536 nella prima parte di seduta, ora è tornato in quota 1,34. Il greenback perde terreno, ma neanche troppo, contro le commodity currencies, scambiando a 0,9170 contro il dollaro australiano ed a 0,7083 nel cross con il Kiwi.

Positivi i dati arrivati dagli Stati Uniti, che giustificano l’attuale livello di avversione al rischio. Bene quindi il +0,3% dell’indice Case Shiller, il +1,2% congiunturale del Redbook Research Index, ed i 52,5 punti registrati dalla fiducia dei consumatori di marzo.

Completa il quadro lo yen, debole sia vs l’euro, 124,45, e sia nel cambio con il biglietto verde, a 92,82. Arrivati dal Paese del Sol Levante il -0,5% annuo dei consumi ed il -0,9% mensile della produzione industriale; invariata al 4,9% la disoccupazione.