1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: continua il recupero dell’euro, solo interrotto dal dato sul Pil

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sebbene la crescita statunitense del quarto trimestre sia stata rivista al ribasso dal 5,9 al 5,6 per cento, il dollaro è riuscito ad assorbire questa notizia velocemente grazie al dato relativo la fiducia dell’Università del Michigan, anch’esso in versione definitiva, che si è attestato a 73,6 punti, rispetto ai 73 punti attesi.

La revisione al ribasso della crescita della prima economia del pianeta non ha influenzato più di tanto neanche Wall Street, spinta al rialzo dall’accordo finalmente raggiunto in Europa per il sostegno alla Grecia. Un accordo che lascia tutti scontenti, tranne la Grecia.

La revisione del Pil – dovuta a livelli più bassi di consumi, investimenti privati e spesa pubblica – non è certamente una bella notizia, ma è anche da rilevare che in ogni caso si tratta della crescita maggiore degli ultimi sei anni e la più alta del G7, 5 volte maggiore dei relativi dati di Eurozona e Gran Bretagna.

Il cross euro-dollaro si conferma in questo momento non lontano dai massimi toccati al giro di boa (1,3419) scambiando a 1,3385. La risalita della moneta unica potrebbe trovare una resistenza in quota 1,344 e più avanti intorno a 1,35.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

Sebbene la crescita statunitense del quarto trimestre sia stata rivista al ribasso dal 5,9 al 5,6 per cento, il dollaro è riuscito ad assorbire questa notizia velocemente grazie al dato relativo la fiducia dell’Università del Michigan, anch’esso in versione definitiva, che si è attestato a 73,6 punti, rispetto ai 73 punti attesi. La revisione al […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…