Forex: la Cina corre in soccorso del Portogallo, euro sopra quota 1,42 dollari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Cina spinge al rialzo l’euro. Dopo le recenti vendite l’euro torna a guadagnare terreno in scia delle dichiarazioni del n.1 della Banca centrale europea Trichet, che ha ribadito che la Bce farà “tutto il necessario per difendere la stabilità dei prezzi”, e delle notizie in arrivo dalla Cina, che sarebbe pronta ad acquistare le obbligazioni destinate al finanziamento del Portogallo.

Secondo quanto dichiarato dal direttore generale dell’Efsf, Klaus Regling, “Pechino è chiaramente interessata” all’acquisto dei bond. Si tratta di una buona notizia per la moneta unica, dopo che ieri il Commissario europeo alla Pesca, la greca Maria Damanaki, era tornata a parlare di possibile uscita di Atene da Eurolandia.

La necessità del Celeste Impero di diversificare le proprie riserve sta favorendo anche il Kiwi, il dollaro neozelandese. Secondo indiscrezioni il fondo sovrano China Investment Corporation potrebbe investire 6 miliardi di dollari in asset neozelandesi. L’eurodollaro in questo momento scambia in rialzo di quasi 1 punto percentuale sopra quota 1,42 a 1,4203 mentre il cross nzdusd sale dell’1,7% a 0,8101.

Il calo del biglietto verde è inoltre attribuibile alle indicazioni deludenti arrivate poco fa dai tanto attesi dati macro statunitensi. Le nuove richieste di disoccupazione la scorsa settimana hanno registrato un rialzo a 424 mila unità, +20 mila rispetto al consenso, mentre il dato preliminare relativo crescita economica del primo trimestre 2011 ha registrato un +1,8% trimestrale annualizzato, in linea con la lettura flash ma al di sotto del +2,2% pronosticato alla vigilia dagli analisti. In calo rispetto alla prima lettura l´indice dei prezzi Pce (Personal consumption expenditure), in rialzo di un punto e mezzo dall´1,6% precedente. Il dollar index quota in calo dello 0,71% a 75,39 punti.