Forex: la Catalogna spinge l’eurodollaro sotto 1,25

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’eurodollaro sotto quota 1,25 dollari. Nel corso della seconda parte le notizie in arrivo dalla Spagna hanno spinto il cambio eurodollaro in quota 1,2496, il nuovo minimo dal luglio 2010. In questo momento stiamo assistendo ad un lieve ribalzo ed il cross quota 1,2517 dollari. Nelle ultime 5 sedute l’incrocio ha perso due punti percentuali ed il saldo dell’ultimo mese è negativo per oltre il 5%.

Oggi la nuova spinta ribassista è arrivata dalla Catalogna, la regione più ricca della Spagna. Dopo le indiscrezioni circolate nel pomeriggio, il presidente Artur Mas ha ufficialmente richiesto la creazione di meccanismi di “mutualizzazione” del debito delle comunità autonome del Paese. Il Pil della Catalogna è pari ad un quinto di quello dell’intero Paese.

E sempre per quanto riguarda la Spagna, cresce la tensione sul comparto bancario. Secondo gli analisti Bankia necessiterebbe di fondi freschi per 15 miliardi di euro, ben al di là dei 9 miliardi messi in conto dal Ministro delle finanze de Guindos.

“L’impostazione di medio periodo rimane ribassista”, ha dichiarato Vincenzo Longo di IG Markets. Secondo Longo una boccata di ossigeno alla moneta unica potrebbe arrivare dai “dati macro statunitensi della prossima settimana (Pil e mercato del lavoro) che se dovessero risultare particolarmente deludenti incrementerebbero le possibilità di un nuovo piano di quantitative easing da parte della Federal Reserve”.

L’altro caso del giorno è rappresentato dallo strappo rialzista registrato ieri dal cambio euro/franco svizzero, salito improvvisamente in quota 1,2075. Secondo gli operatori il balzo potrebbe esser stato provocato dall’indiscrezione secondo cui il governo starebbe pensando di tassare i depositi in franchi svizzeri oppure da un più banale “fat finger” (un errore di digitazione).

Commenti dei Lettori
News Correlate
TRIMESTRALI

Coca-Cola: utili calano del 20% nel primo trimestre

Coca-Cola ha registrato nel primo trimestre del 2017 un utile netto in calo a 1,18 miliardi di dollari, ossia 27 centesimi ad azione, rispetto ai 1,48 miliardi, ossia 34 centesimi ad azione, dell’analogo periodo nel 2016. Su base adjusted, ossia al n…

BORSA ITALIANA

STM, spinta da conti stellari dell’austriaca AMS

La società austriaca AMS, quotata a Zurigo, uno dei fornitori di chip di Apple, vola in rialzo del 17% circa dopo aver annunciato che dovrà rivedere al rialzo la previsione di lungo periodo sui ricavi, stimati ora in crescita del 30% di media annua n…

BORSA ITALIANA

Titoli di Stato: spread BTp-Bund 10y a 188 punti base

Spread a 188 punti base quando sono da poco passate le ore 13. Il differenziale di rendimento fra il BTp e il Bund a dieci anni è in risalita questa mattina dopo il rally di ieri, innescato dall’esito del primo turno delle presidenziali francesi, in …