1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: la Bank of Canada è pronta a ritirare le misure straordinarie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Bank of Canada non si lascia intimidire dalla crisi del debito. Oggi l’istituto centrale canadese nel confermare per la quattordicesima volta consecutiva il tasso overnight all’1% ha annunciato che se tutto dovesse andare come previsto le attuali misure monetarie, non a caso definite “straordinarie”, saranno progressivamente ritirate

“Nel caso in cui l’economia -si legge nella nota diffusa a margine della riunione del board- dovesse continuare a crescere e la capacità inutilizzata dovesse riassorbirsi, si renderebbe necessario il ritiro degli attuali stimoli monetari, anche in vista del raggiungimento del target di inflazione fissato al 2%”.

Secondo la BoC le prospettive di crescita del Paese “sono in linea con le attese ” nonostante “l’outlook a livello globale nelle ultime settimane abbia registrato un peggioramento”. “Mentre l’economia statunitense continua a registrare un tasso di crescita moderato, l’attività economica nei Paesi emergenti sta rallentando più delle attese”.

Nonostante alcuni operatori avevano pronosticato un taglio del costo del denaro, il dollaro canadese, soprannominato loonie, sta capitalizzando il fatto che la prossima volta che la BoC metterà mano al tasso overnight sarà per incrementarlo. Il loonie, che ieri aveva toccato 1,0447 contro il greenback, il livello maggiore dal 28 novembre scorso, in questo momento vede lo usdcad attestarsi a 1,0378. La divisa canadese si rafforza anche nell’incrocio con la moneta unica, in rosso di mezzo punto percentuale a 1,2935.

In evidenza anche il dollaro australiano, nonostante oggi la Reserve Bank of Australia abbia deciso di tagliare nuovamente il costo del denaro (-25 punti base al 3,5%). Il governatore della banca centrale australiana ha sottolineato come tale decisione sia finalizzata a sostenere la crescita economica del Paese visti i recenti rallentamenti evidenziati dalle statistiche macroeconomiche. Il cambio con l’euro arretra dello 0,5% a 1,2777 mentre l’audusd scambia a 0,9747.

“Il dollaro australiano ha guadagnato terreno grazie ad un mix di propensione al rischio e di attese per un taglio più consistente”, ha commentato Ben Taylor, Sales Trader di CMC Markets. Secondo Taylor il movimento rialzista è dettato “dalle attese di un intervento congiunto da parte delle banche centrali”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.