Forex: ancora vendite sull’euro, i dati in arrivo dal mercato del lavoro spingono il loonie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Quarta seduta consecutiva con il segno meno per l’eurodollaro. La scarsa fiducia del mercato nella capacità spagnola di rispettare i target di bilancio oggi ha spinto il rendimento dei decennali targati Madrid al 5,84%, il livello massimo da metà dicembre, e lo spread con i Bund in quota 410 punti base, il livello maggiore da novembre. In crescita anche i dati relativi il nostro Paese, saliti rispettivamente al 5,54% ed a 381 pb.

Ieri il Tesoro spagnolo ha collocato titoli di Stato per un ammontare complessivo di 2,59 miliardi di euro, decisamente al di sotto dell’importo massimo, fissato a 3,5 miliardi di euro. In salita i rendimenti per tutti i titoli collocati, che avevano scadenza 2015, 2016 e 2020. Il rapporto tra domanda e offerta (bid/cover ratio) è sceso per i titoli con scadenza 2015 e 2016 (per il titolo triennale si è dimezzato), mentre è salito a 2,96 da 1,99 per i titoli con scadenza ottobre 2020.

Le vendite sulla moneta unica si sono intensificate dopo la pubblicazione del dato relativo la produzione industriale tedesca a febbraio, che con un -1,3% mensile ha vanificato il rialzo messo a segno nella prima rilevazione del 2012 (+1,2% m/m).

Il cambio con il dollaro, sceso dell’1,8% nelle ultime 5 sedute, in questo momento arretra dello 0,6% a 1,3060 mentre l’incrocio con la moneta nipponica indietreggia a 107,62. In evidenza anche il cross con il franco svizzero sceso oggi sotto quota 1,2 (il livello minimo fissato dalla Swiss National Bank per proteggere la ripresa rossocrociata) a 1,1997 per la prima volta dallo scorso 6 settembre.

Ed in attesa dei dati statunitensi di domani, oggi sono arrivate indicazioni decisamente positive dal mercato del lavoro canadese. Nonostante gli analisti avessero previsto un incremento al 7,5%, a marzo il tasso di disoccupazione è sceso dal 7,4 al 7,2 per cento. Indicazioni migliori delle attese sono arrivate anche dal saldo delle buste paga, cresciuto di 82.300 unità (consenso +11.300), il dato maggiore dal 2008. La stragrande maggioranza delle nuove buste paga riguardano lavori a tempo pieno (70 mila). I dati hanno immediatamente spinto al rialzo il dollaro canadese, anche detto loonie. Il cambio usd/cad attualmente scende dello 0,35% a 0,9926 mentre l’incrocio con l’euro perde 1 punto percentuale a 1,2961.

Nessuna sorpresa infine dalla Bank of England che oggi ha annunciato di aver confermato il costo del denaro al minimo storico dello 0,5% ed il piano di allentamento quantitativo a 325 miliardi di sterline. A febbraio la produzione industriale britannica ha messo a segno un +0,4% mentre l’indice che misura l’andamento del manifatturiero ha evidenziato un calo dell’1%. Il cable, il cambio sterlina/dollaro quota 1,5830 (-0,4%).

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…