1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Forex: acquisti sulle valute ad alto rendimento, il kiwi festeggia riconferma del premier Key

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il positivo avvio di settimana dei mercati sta favorendo il recupero delle valute ad alto rendimento. Il dollaro australiano guadagna oltre mezzo punto percentuale sul dollaro Us risalendo a 0,9878, in ascesa anche il dollaro neozelandese a 0,7523 rispetto al dollaro Usa. Il kiwi beneficia anche dell’esito delle elezioni politiche neozelandesi che hanno visto le rielezione del primo ministro John Key, il cui partito ha avuto il 48% dei voti in aumento dal 45% di 3 anni fa. Key ha subito fatto presente che il nuovo esecutivo si focalizzerà sulla vendita di asset dello Stato con l’intento di riportare il budget statale in surplus dal 2014-15 o anche prima.

In risalita anche l’euro che viaggia a 1,3354 dollari. Divisa europea che guadagna circa l’1% sullo yen a quota 103,82. Sui mercati si scommette su un’accelerazione da parte dei leader europei nelle misure volte a risolvere la crisi del debito sovrano. “Il ribasso dell’Euro potrebbe essere contenuto dalla resistenza dell’US Dollar Index intorno a 79,85 – rimarca il Forex Morning Comment a cura di Michael Hewson, analista di CMC Markets – solamente una rottura di questo supporto farebbe scivolare la moneta unica verso 1,2870”.

Intanto dal Fmi è arrivata la smentita di colloqui con l’Italia relativi alla concessione di aiuti per 600 miliardi di euro. Si stringe lo spread Btp/Bund sceso sotto i 490 punti base con rendimenti del Btp decennale che si mantengono comunque sopra la soglia critica del 7%.

Oggi il primo dei due Btp Day indetti dall’Abi. Si potranno acquistare titoli governativi italiani sul mercato secondario senza pagare alcuna commissione. Il secondo appuntamento sarà il 12 dicembre e riguarderà titoli di nuova emissione. Domani nuovo importante test sulla capacità di rifinanziamento del debito da parte dell’Italia con l’asta di Btp fino a un massimo di 8 miliardi di euro. Nel dettaglio saranno emessi tra 2,5 e 3,5 miliardi di euro di Btp a 3 anni, tra 1,5 e 2,5 mld di Btp scadenza marzo 2022, tra 1 e 2 mld di Btp con scadenza settembre 2020.