1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

FonSai: inchiesta si allarga al collegio sindacale, Jonella Ligresti interrogata a Torino

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’inchiesta su Fondiaria-Sai portata avanti dalla Procura di Torino si allarga al collegio sindacale. La Guardia di Finanza ha infatti comunicato di aver notificato questa mattina tre avvisi di garanzia nei confronti dell’ex presidente del collegio Benito Giovanni Marino e dei componenti Marco Spadacini e Antonino D’Ambrosio, su disposizione del procuratore aggiunto Vittorio Nessi e il sostituto procuratore Marco Gianoglio. Le accuse (a titolo di concorso) sono le stesse che hanno portato mercoledì scorso all’arresto dell’intera famiglia Ligresti e degli ex vertici della compagnia assicurativa: falso in bilancio e manipolazione del mercato e falso in prospetto. Sull’organo dovrà essere approfondita l’attività di vigilanza in merito alla redazione del bilancio 2010.

L’ipotesi investigativa, più nel dettaglio, è che l’inerzia del collegio sindacale abbia favorito l’approvazione di un bilancio falso, con evidenti riflessi sul mercato, circa l’occultamento del deficit nella ‘riserva sinistri’ di almeno 600 milioni di euro e, di conseguenza, la piena attendibilità del prospetto informativo, redatto in occasione dell’aumento di capitale da 450 milioni di euro effettuato nel 2011. Salgono così a 18 gli indagati nel relativo procedimento penale, comprese le società Fondiaria Sai e Milano Assicurazioni.

Nel frattempo ha preso il via l’interrogatorio di Jonella Ligresti in Procura a Torino da parte dei pm Vittorio Nessi e Marco Gianoglio. La figlia di Salvatore Ligresti era stata arrestata mercoledì scorso in Sardegna dalla Guardia di Finanza con l’accusa di falso in bilancio e manipolazione del mercato nell’ambito dell’inchiesta su Fondiaria-Sai. L’ex presidente della compagnia assicurativa è detenuta nel carcere La Vallette del capoluogo piemontese. Nel pomeriggio è atteso invece l’interrogatorio dell’ex amministratore delegato di FonSai, Fausto Marchionni. Ieri era toccato all’altro ex Ad, Emanuele Erbetta e al patron Salvatore Ligresti.