FonSai: arrestata tutta la famiglia Ligresti, ricercato il figlio Paolo

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 17/07/2013 - 12:20
Quotazione: FONDIARIA-SAI
Quotazione: UNIPOL

Colpo di scena sull'inchiesta Fondiaria-Sai. L'intera famiglia Ligresti questa mattina è finita agli arresti per mano della Guardia di Finanza di Torino su richiesta della Procura di Torino. I reati contestati sono quelli di  falso in bilancio aggravato per grave nocumento al mercato e manipolazione del mercato. L'ex presidente onorario della compagnia assicurativa, Salvatore Ligresti, è agli arresti domiciliari mentre per  i figli Jonella, Giulia e Gioacchino Paolo, è stata disposta la custodia cautelare in carcere. Gioacchino Paolo, in particolare, risulterebbe ricercato dagli investigatori e al momento dovrebbe trovarsi in Svizzera. I finanzieri sarebbero in attesa di sapere se intende consegnarsi. Le ordinanze di custodia cautelare verso gli ex vertici della Fonsai sono stati spiccati per pericolo di fuga e di inquinamento di prove. In manette anche gli ex amministratori delegati di FonSai, Emanuele Erbetta e Fausto Marchionni, e l'ex vice presidente pro-tempore ed esperto immobiliarista Antonio Talarico. Per questi ultimi due sono stati disposti gli arresti domiciliari.

I fatti fanno riferimento all'occultamento al mercato di un buco di circa 600 milioni di euro nel bilancio 2010 approvato nel 2011 nella riserva sinistri, un'informazione determinante per una corretta valutazione dei titoli azionari da parte degli investitori, con l'aggravante di aver procurato in questo modo un grave danno ad almeno 12 mila risparmiatori. L'indagine sulla compagnia assicurativa era partita nel 2012 per l'ipotesi di falso in bilancio e ostacolo all'attività di vigilanza in riferimento agli anni 2008-2011. La costante sottovalutazione della riserva sinistri, secondo quanto risulta agli investigatori, ha consentito negli anni la distribuzione di utili per 253 milioni di euro alla Premafin, la holding della famiglia Ligresti, dove invece si sarebbero dovuto registrare perdite. Dagli accertamenti sarebbe emerso che la famiglia Ligresti si sarebbe assicurata oltre al costante flusso di dividendi anche il via libera a numerose operazioni immobiliari che permettevano di fare uscire del denaro dalle casse di Fonsai a favore di altre società del gruppo riconducibili alla famiglia Ligresti. Come per esempio l'acquisto dell'intera quota di Atahotel, società alberghiera ceduta da Sinergia che secondo quanto risulta, sarebbe stata pagata ad un prezzo più alto nonostante si trovasse in perdita strutturale. Tutti i particolari dell'operazione sono stati resi noti durante una conferenza stampa tenutasi in mattinata presso il Comando provinciale di Torino della Guardia di Finanza.

Il titolo FonSai a Piazza Affari al momento arretra dello 0,29% 1,373 euro. In decisa controtendenza Unipol, la cui azioni avanza del 2,17% a 2,526 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA