1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Fondi: a marzo tornano a crescere i deflussi, maglia nera per gli obbligazionari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La crisi dell’industria del risparmio gestito torna a farsi sentire con deflussi dai fondi comuni di investimento nuovamente in aumento. Secondo i dati raccolti e diffusi da Assogestioni, nel mese di marzo i deflussi dai fondi aperti si sono attestati a quota 5,1 miliardi di euro dai 2,9 mld del mese di febbraio. Il computo totale dei deflussi da inizio anno risulta così salito a 12,9 miliardi. Il patrimonio ha subito una contrazione di 2 miliardi di euro, passando dai 388 miliardi dello scorso mese agli attuali 386 miliardi di euro. Durante il mese di marzo i deflussi dai fondi di diritto Italiano hanno sfiorato i 3,3 miliardi di euro. Il patrimonio investito nei prodotti domestici promossi da gruppi italiani ed esteri equivale a 204 miliardi di euro, il 52,8% del patrimonio totale investito in fondi aperti. Fermi provvisoriamente a quota 1,9 miliardi i riscatti dai fondi di diritto Estero. Gli asset stimati totalizzano circa 182 miliardi di euro, il 47,2% del patrimonio dell’intero sistema fondi. I Gruppi Italiani, che detengono l’82,4% del patrimonio, hanno accusato a marzo deflussi per 4,8 miliardi, mentre i gruppi Esteri, che rappresentano il restante 17,6% degli asset, tornano in territorio negativo con deflussi momentanei per 350 milioni di euro.
Deflussi in aumento a marzo per tutte le categorie dei fondi comuni d’investimento. Sono prossimi alla parità i fondi di Liquidità, che registrano riscatti complessivi per 139 milioni di euro. La categoria chiude con un patrimonio in crescita rispetto allo scorso mese pari a oltre 87 miliardi di euro, equivalenti al 22,6% del patrimonio complessivo. I prodotti Bilanciati e Azionari registrano rispettivamente 420 e 490 milioni di euro di deflussi. Alla fine del mese il patrimonio dei fondi Bilanciati subisce una flessione rispetto alla precedente rilevazione e si ferma a 16,2 miliardi di euro, il 4,2% del patrimonio. Gli asset dei fondi Azionari sfiorano i 63,9 miliardi di euro, il 16,6% del patrimonio investito in fondi aperti. I riscatti per i fondi Hedge risultano pari a 677 milioni di euro. Gli asset detenuti dalla categoria, equivalenti al 4,6% delle masse complessive, sono alla fine del mese pari a poco meno di 17,8 miliardi di euro. La categoria dei fondi Flessibili ha subito riscatti per 701 milioni di euro chiudendo il periodo con il 12,9% del patrimonio complessivo, un dato che vale poco meno di 50 miliardi di euro. Sono negativi e ampiamente superiori alla somma dei deflussi delle altre categorie i riscatti dai prodotti Obbligazionari: nel corso del mese i fondi registrati sotto questa bandiera hanno perso oltre 2,7 miliardi di euro, rappresentando alla fine del mese il 39,1% del patrimonio, equivalente a masse per 151 miliardi di euro.