1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

FOCUS: I falchi della Fed tirano fuori gli artigli e il biglietto verde vola

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ultima tornata di espansione monetaria della Federal Reserve di dicembre ha accesso gli animi dei falchi all’interno del Comitato esecutivo (Fomc). La decisione di incrementare il piano di acquisto di titoli a 85 miliardi di dollari al mese dai 40 precedenti potrebbe infatti terminare ben prima della fine del 2013.

La decisione della Fed di dicembre era stata principalmente guidata dalla necessità di prevenire un rallentamento dell’economia in vista del fiscal cliff. Il raggiunto accordo però allontana, almeno per ora questo scenario, pertanto a nostro avviso non sussistono le ragioni di tenere in essere una politica fortemente espansiva.

Dai verbali si evince pertanto che quello di dicembre potrebbe essere stato un chiaro errore di valutazione volto più a prevenire brutte reazioni del mercato a un mancato accordo sul fiscal cliff che a sostenere realmente l’economia. È necessario a questo punto iniziare a pensare alle exit strategy per evitare che questi stimoli finiscano per drogare ulteriormente l’economia e rischiare di far accelerare l’inflazione.

Ci aspettiamo pertanto che qualche primo drenaggio di liquidità dal mercato potrebbe avvenire già durante l’estate, quando le incertezze e i dubbi sul fiscal cliff potrebbero essere quasi interamente risolti.
Dopo la pubblicazione delle minute, gli operatori hanno iniziato a comprare dollari statunitensi. Molti operatori hanno corti sulla divisa statunitense hanno preferito portare a casa i recenti guadagni. II biglietto verde si è apprezzato contro le principali valute. Anche il Dollar Index è salito ai massimi da oltre un mese arrivando a lambire quota 81,00. L’Eur/Usd è sceso sino ai minimi dal 12 dicembre a 1,3020, dove ha trovato temporaneo supporto.
Brusco calo anche dell’oro, che è sceso ai minimi da oltre 2 settimane a quota 1.645 dollari/oncia.

VINCENZO LONGO
Market Strategist