Fmi vede crescita mondiale dello 0,5% nel 2009, ai minimi dalla II Guerra mondiale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Crescita economica mondiale ai minimi dalla II Guerra mondiale. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) sono di una crescita risicata dello 0,5% nel corso del 2009 rispetto al +2,2% previsto lo scorso novembre. Per quanto concerne gli Usa, il Fmi vede una contrazione del pil dell’1,6%. Nell’Eurozona le attese sono di un calo del 2% (da -0,5%), con pil Gran Bretagna in flessione del 2,8% (da -1,3%) e quello tedesco del 2,5% (da -0,8%). Tra le altre principali economie, il Giappone è atteso in calo del 2,6% (dal -0,2%) e la Cina in crescita del 6,7% (da +8,5%).
Per il 2010 le attese sono di una ripresa della crescita globale (+3% rispetto al +3,8% precedentemente stimato). Il World Economic Outlook del Fmi rimarca comunque come l’outlook rimane “altamente incerto e il recupero dipende molto dalla forza delle azioni di stimolo all’economia”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Francia: fiducia consumatori stabile a 100 ad aprile

La fiducia dei consumatori francesi rimane stabile nel mese di aprile. Il dato diffuso stamattina dall’Insee si mantiene stabile a 100 per il quarto mese consecutivo, in linea con le attese del mercato.

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi è povera di indicazioni. L’unico dato di rilievo in uscita oggi riguarda le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti. In uscita anche le vendite al dettaglio in Canada. Nel dettaglio:
16:00 USA Scorte greggio e derivat…

Giappone: fiducia Pmi in calo più del previsto ad aprile

In Giappone la fiducia delle piccole e medie imprese ha mostrato un calo maggiore del previsto attestandosi ad aprile a 48,6 punti dai 50,5 punti del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una fiducia in discesa a 49,4 punti….

Australia: inflazione salita al 2,1% annuo nel I trimestre

In Australia l’inflazione si è attestata nel primo trimestre al 2,1% annuo, in deciso rialzo rispetto all’1,5% precedente ma leggermente sotto le attese degli analisti pari al 2,2%. Rispetto al trimestre precedente l’indice dei prezzi al consumo ha m…