1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Fmi tende il cappello alla Cina: servono fondi per fronteggiare la crisi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il consiglio del Fondo monetario era riunito ieri sera a tarda ora per l’approvazione di un prestito da 2 miliardi di dollari all’Islanda, decisione che allungherebbe la lista dei Paesi costretti dalla recente crisi globale a rivolgersi all’istituzione di Washington. Ma che ripropone anche il problema dell’insufficienza delle risorse dell’Fmi nel caso diverse economie di grandi dimensioni avessero bisogno della sua assistenza. La Cina, con i suoi 2mila miliardi di riserve ufficiali, resta il principale candidato a fornire all’Fmi eventuali fondi supplementari da prestare ai Paesi in crisi: contatti informali con Pechino sarebbero in corso, secondo fonti monetarie, ma per ora non c’è alcun impegno delle autorità cinesi le quali punterebbero ad un aumento del peso della Cina all’interno dell’Fmi, al di là di quanto già concordato con la recente revisione delle quote.