Fitch: l'Italia non avrà bisogno di aiuti Ue, tutti i Paesi dell'Eurozona rischiano downgrade

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 12/06/2012 - 12:25

Fitch rassicura l'Italia, che in queste ore è ritornata nel mirino della speculazione. Ed Parker, responsabile della divisione rating sovrani dell'agenzia statunitense, ha dichiarato che il Belpaese non avrà bisogno di un salvataggio perché la sua situazione è migliore di quella di Madrid. Parker ha evidenziato che l'Italia ha un basso deficit di bilancio e non ha problemi di banche. Parole che arrivano dopo la nuova impennata dello spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco, che in questo momento si attesta a 475 punti base, con il rendimento del bond decennale tricolore schizzato sopra il 6 per cento.

L'analisi di Fitch non si è fermata solamente all'Italia ma ha riguardato tutta la zona euro. Secondo il responsabile dell'agenzia Usa, tutti i Paesi dell'Eurozona, anche quelli che attualmente vantano la tripla A, sono a rischio downgrade qualora i leader del Vecchio Continente non riusciranno a mettere in campo soluzioni per risolvere la crisi. Parker si spinge oltre sottolineando che i rischi di un crollo della moneta unica aumenteranno se non si arriverà a vedere la luce in fondo al tunnel.
 
Infine la Spagna, che nel fine settimana è stata al centro delle cronache finanziarie di tutto il mondo con il piano Ue da 100 miliardi di euro per ricapitalizzare il sistema bancario iberico. Secondo Fitch, la Spagna non centrerà i target di deficit sia per quest'anno sia per il 2013. L'agenzia Usa venerdì scorso aveva tagliato il debito di Madrid di ben tre livelli.

COMMENTA LA NOTIZIA