Finmeccanica, senza rimbalzo non c'è più difesa

Inviato da Riccardo Designori il Gio, 03/03/2011 - 11:31
Quotazione: LEONARDO FINMECCANICA
Le vicende libiche hanno indubbiamente avuto effetti negativi sui corsi di Finmeccanica, con gli investitori preoccupati dai risvolti economici della vicenda. In occasione della presentazione dei dati di bilancio avvenuta ieri, risultati in linea con le attese degli analisti anche in termini di guidance operativa 2011, il management ha reso noto che in caso di sospensione di tutti i lavori per l'anno in corso nei Paesi nord africani l'impatto economico sarebbe limitato. Pur non avendo quantificato l'ammontare, secondo voci di stampa l'effetto negativo della sola Libia sarebbe pari a 250/300 milioni di euro sul fatturato e di circa 60/70 milioni sull'Ebitda rettificato. Da un punto di vista grafico le quotazioni viaggiano ora in prossimità di un'interessante area ricca di supporti, sia statici che mobili. In particolar modo si segnala il transito a 8,82 euro della trendline ascendente di medio/lungo periodo ottenuta con i minimi crescenti del 25 agosto e del 9 dicembre. Oltre a tale elemento vi è la media mobile a 200 sedute sul grafico daily a 8,8795 euro e il sostegno che i minimi del 23 e 24 febbraio a 8,885/8,89 euro potranno offrire ai corsi. Infine si fa presente come il doppio massimo che era stato completato tra il 21 gennaio e il 20 febbraio è già stato completamente sfogato al ribasso, eliminando in tal senso le incognite grafiche che altrimenti avrebbero continuato a persistere. Operativamente è dunque possibile intraprendere una strategia long con acquisti a 8,90 euro e stop a 8,70 euro. In quest'ottica i target individuati sono posizionati dapprima a 9,45 euro e successivamente a 9,76 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA