Finmeccanica regge alla speculazione, mercato non crede a tesi stampa

Inviato da Redazione il Gio, 18/11/2004 - 14:59
Finmeccanica regge alla speculazione. Il titolo della società aerospaziale spunta un +0,08%, scambiando a quota 0,66 euro. Secondo voci di stampa ci sarebbe stata una rottura nella trattative di cessione della quota di ST alla Cassa depositi e prestiti da parte di Finmeccanica. Colpa del prezzo delle azioni del gruppo italo francese lievitato in Borsa ultimamente. "Cdp vorrebbe acquistare il pacchetto pari al 10,3% di ST a 14 euro, mentre Guarguaglini punterebbe a valorizzare al massimo l'operazione, puntando a 16 euro", dice un operatore. "Per Finmeccanica è importarte togliersi la zavorra della quota ST, un elemento che dà volatilità al titolo in Borsa. La società ha dei buoni fondamentali. Quindi considerando i vantaggi della cessione, non credo che due euro facciano la differenza", aggiunge l'operatore. "Bisognerebbe capire a quanto rinunciano, ma i vantaggi se portano a buon fine l'operazione sono di gran lunga maggiori di un prolungamento di questa situazione", gli fa eco un'altra sales. "Il mercato non sta dando credito alle indiscrezioni di stampa. E' difficile credere che Finmeccanica ad accordo raggiunto decida di rivedere le sue posizioni. Il mercato ha preso in mano il titolo oggi e l'azione regge in Borsa. Se questa operazione fosse vera segnerebbe la fine del rialzo del titolo", conclude un altro operatore. Dulcis in fundo: l'acquirente del pacchetto ST può essere solo un ente istituzionale, come aveva fatto notare lo stesso portavoce di Finmeccanica. Dunque: poche chance per un'asta del 10,3% di ST Microelectronics. Dall'altra parte seccamente Finmeccanica e Cdp contattate questa mattina da Spystocks hanno dichiarato di non voler dare dichiarazioni in merito a simili indiscrezioni.
COMMENTA LA NOTIZIA