Finmeccanica: perdita netta a 136 milioni in primi nove mesi, pesa AnsaldoBreda

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Finmeccanica ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con una perdita netta pari a 136 milioni di euro rispetto all’utile di 141 milioni riportato nello stesso periodo dell’anno scorso. Il gruppo sottolinea che nelle divisioni Aerospazio e Difesa il processo di ristrutturazione ha consentito di raggiungere gli obiettivi relativamente a ordini (8.171 milioni di euro) e ricavi (9.978 milioni di euro), superare l’EBITA atteso (pari a 712 milioni di euro), mitigare parzialmente gli effetti negativi sul FOCF determinati dai mancati incassi del contratto indiano di AgustaWestland. AnsaldoBreda non ha invece raggiunto alcuno degli obiettivi assegnati realizzando ordini per soli 63 milioni di euro, ricavi per 402 milioni di euro, EBITA negativo per 94 milioni di euro. Tali risultati contribuiscono negativamente alla performance del Gruppo, determinando una perdita netta al 30 settembre. Per l’esercizio 2013, tuttavia, Finmeccanica prevede di realizzare un utile netto consolidato positivo, anche grazie al closing dell’operazione di cessione di Ansaldo Energia, previsto entro la fine dell’anno.