1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Finita la festa del dollaro per l’uccisione di Bin Laden

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il guadagno di inizio giornata messo a segno dal dollaro nei confronti dell’euro dopo l’uccisione di Osama Bin Laden è durato poco. I fondamentali favorevoli alla valuta unica hanno riportato la situazione in equilibrio e ora l’euro sta nuovamente mettendo sotto pressione l’ostacolo intermedio di quota 1,4830, in pratica l’ultimo diaframma prima del target rappresentato dai massimi di fine novembre/inizio dicembre 2010 a 1,5144. La valuta unica è sostenuta da un canale rialzista di breve termine la cui base transita a 1,4486 e lo scenario non mostra particolari pericolo. Da segnalare solo la presenza di ipercomprato sull’oscillatore Rsi che potrebbe favorire un ritracciamento dell’eur/usd prima dell’accelerazione finale verso i massimi citati. In tal caso possibile sfruttare l’eventuale test della media mobile a 14 giorni in area 1,46 per l’apertura di posizioni al rialzo con uno stop loss a 1,444. Target sui massimi a 1,5144.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.