Fineco Bank: nel terzo trimestre il margine d'interesse sale del 36,8%, +53% per l'utile netto

Inviato da Riccardo Designori il Ven, 07/11/2014 - 11:57
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Il Consiglio di Amministrazione di Fineco Bank ha approvato i risultati relativi al terzo trimestre 2014. Nel periodo, il margine d'interesse della banca online sbarcata in Borsa nei mesi scorsi si è attestato a 56,4 milioni di euro, in crescita del 36,8% rispetto al terzo trimestre del 2013 grazie al costante incremento della liquidità transazionale, a supporto dell'operatività complessiva dei clienti, e alla revisione delle politiche d'investimento della liquidità.

Le commissioni nette nel terzo trimestre sono state pari a 45,8 milioni di euro e hanno fatto registrare una crescita del 15,8% rispetto al terzo trimestre del 2013, grazie al forte incremento della raccolta gestita, guidata in particolare dai prodotti e servizi ad open architecture guidata e alle commissioni di negoziazione. I ricavi totali sono cresciuti a 106,7 milioni di euro, in aumento del 23,7% rispetto ai 86,3 milioni di euro riportati nel terzo trimestre del 2013.

Il totale costi operativi nel trimestre si è attestato a 50,7 milioni di euro rispetto ai 43,6 milioni di euro del terzo trimestre del 2013. Tale incremento è riconducibile al nuovo sistema di remunerazione finalizzato alla incentivazione e alla fidelizzazione del top management, dei cosiddetti "key people" e dei Promotori Finanziari per 3,3 milioni di euro , e a supporto della crescita della Banca. Il margine operativo lordo nel trimestre si è attestato a 56 milioni di euro, in crescita del 31% rispetto al terzo trimestre del 2013.

L'utile ante imposte è stato pari a 54,6 milioni di euro, in crescita del 43,6% rispetto al terzo trimestre del 2013. L'utile ante imposte rettificato dei costi non ricorrenti per l'IPO e per il Fondo Interbancario Tutela Depositi è stato pari a 56 milioni di euro.

L'utile netto del terzo trimestre, pari a 35,4 milioni di euro ovvero +52,9% rispetto ai 23,2 milioni di euro registrati nel terzo trimestre del 2013, è un risultato sostanzialmente in linea con i periodi precedenti e particolarmente rilevante considerato l'elevato fattore di stagionalità legato ai mesi estivi che caratterizza generalmente il terzo trimestre.
COMMENTA LA NOTIZIA