1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fincantieri: rischio lungo stop Ue a nozze con Stx zavorra il rimbalzo, governo in pressing

QUOTAZIONI Fincantieri
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si scalda sul fronte politico il delicato dossier Fincantieri-Chantiers de l’Atlantique (nuovo nome di Stx). Anche il governo italiano scende in campo per “salvaguardare la politica economica e industriale del nostro Paese”. Sono le parole del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, assumendo un comportamento più interventista sulla vicenda spiegando che “un rallentamento dell’operazione non è in linea con l’orientamento del governo”.

 

Di recente anche il ministro delle Finanze francesi, Bruno Le Maire, ha gettato acqua sul fuoco sul caso Fincantieri-Chantiers de l’Atlantique affermando di essere “favorevole” all’operazione e di “non essere preoccupato” per una eventuale decisione negativa da parte della Commissione Ue.

 

Il nodo sulle tempistiche è proprio legato all’Antistrust Ue che ha deciso di accogliere la domanda presentata dalla stessa Francia e dalla Germania che hanno invitato la Commissione ad esaminare, alla luce del regolamento sulle concentrazioni, la proposta di acquisizione di Chantiers de l’Atlantique da parte del gruppo italiano. L’analisi di Bruxelles potrebbe durare fino a 12 mesi.

 

Secondo l’Unione Europea l’operazione rischia di nuocere alla concorrenza a livello europeo e mondiale. In una nota ufficiale la Commissione scrive: “Sulla base degli elementi forniti dalla Francia e dalla Germania, e fatti salvi i risultati della sua indagine esaustiva, la Commissione ritiene che l’operazione potrebbe nuocere in misura significativa alla concorrenza nel settore della costruzione navale, in particolare per quanto riguarda il mercato mondiale delle navi da crociera”.

 

Di fatto, si complica l’iter autorizzativo per il via libera all’acquisizione di Stx. Il tira e molla dura dal 2017, quando il gruppo triestino Fincantieri annunciò l’accordo per l’acquisto del 50% di Stx France per dare vita a un big europeo nella cantieristica navale.

 

Investitori alla finestra dopo discesa ultimi mesi

Situazione che non agevola il momento in Borsa del titolo che viaggia ancora sotto quota 1 euro. Gli attuali livelli (0,96 euro, -0,92% l’andamento di oggi) sono il 30% sotto quelli a cui viaggiava l’8 novembre scorso, prima del tonfo che ha fatto seguito alla pubblicazione dei conti del terzo trimestre 2018.

 

Titolo tenta il rimbalzo da un supporto strategico a 0,9 euro

Fincantieri tenta il rimbalzo da un supporto strategico chiave. Il titolo infatti dopo aver toccato il massimo a 1,55 euro ha invertito direzione lasciando sul terreno circa il 40% e arrivando a segnare un minimo a dicembre 2018 in area 0,9 euro. Questo è un livello chiave sia perché vi è un supporto statico, sia dinamico. Da 0,9 euro infatti passa anche la trend line rialzista di lungo periodo descritta dai minimi del febbraio e luglio 2016. Inoltre, sempre a 0,9 euro giace il ritracciamento di Fibonacci del 50%.

 

Chiaro dunque che l’eventuale break di tale livello aprirebbe ad ulteriori pressioni ribassiste con target a 0,8 e 0,75 euro. Al rialzo invece il primo livello da superare sarà 1 euro, meglio attendere la rottura di 1,057 euro. In tal caso target a 1,16 e 1,37 euro.