I finanziari sostengono Piazza Affari, male la galassia Agnelli -2-

Inviato da Alberto Bolis il Gio, 20/01/2011 - 17:44
Galassia Agnelli in profondo rosso a Piazza Affari: Fiat Spa ha ceduto il 3,75% a 7,32 euro, Fiat Industrial il 5,02% a 9,92 euro, Exor il 6,04% a 22,40 euro (peggior titolo del Ftse Mib). I titoli del Lingotto sono stati al centro di un report di Jp Morgan. Il broker americano ha tagliato la raccomandazione su Fiat Spa a underweight dal precedente neutral (target price a 8 da 12 euro), nonostante abbia dichiarato di rimanere bullish sul comparto delle quattro ruote durante il 2011. Gli esperti hanno invece avviato la copertura su Industrial con rating neutral e target price a 10,5 euro. "Fiat Industrial è ben posizionata per trarre beneficio dal recupero ciclico nei settori dell'agricoltura e delle costruzioni (dove opera Cnh)", hanno spiegato gli analisti che mantengono le previsioni sull'Ebit 2012 del 15% sopra il consensus (25% nel best case). La compagnia, però, mostra uno svantaggio strutturale rispetto ai competitor in scia "ad una significativa esposizione verso la debole crescita e all'alta volatilità nel mercato dei camion nell'Europa meridionale". Anche Jp Morgan, come ieri gli analisti di Unicredit, ha affermato che il potenziale takeout potrebbe essere considerato un miglioramento "al nostro target price".

Ha regnato ancora l'incertezza su Tenaris (-1,11% a 16,98 euro). Oggi è stata Equita a consigliare un atteggiamento prudente sul titolo della società controllata dalla famiglia Rocca, in scia al permanere di una certa incertezza sull'andamento dei prezzi e di multipli già ragionevoli. Gli esperti di Equita hanno abbassato oggi le stime di Ebitda del quarto trimestre a 550 milioni di dollari dai precedenti 619 milioni "per riflettere minori volumi di tubi seamless a causa di ritardi nella consegna in Venezuela e Canada". Il Brasile continua a regalare soddisfazioni a Telecom Italia. Tim Brazil ha superato nel paese carioca il suo target di 50 milioni di linee, con l'acquisizione di 1,8 milioni di nuovi clienti a dicembre (+3,7%), la migliore prestazione mensile rispetto agli altri operatori. La market share della controllata brasiliana del gruppo guidato da Franco Bernabè si è attestata sopra il 25%. Ma ormai è risaputo che i problemi per Telecom derivano soprattutto dall'andamento del mercato domestico che "pensiamo sia rimasto piuttosto depresso", hanno fatto notare gli esperti di Equita. E così il titolo del colosso tlc ha lasciato sul parterre lo 0,58% a 1,023 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA