Finale di settembre brillante per l'equity grazie a pil e sussidi Usa

Inviato da Titta Ferraro il Gio, 30/09/2010 - 15:44
Repentino cambio di umore sui mercati europei nell'ultima seduta del mese di settembre. La svolta è arrivata dopo i positivi riscontri arrivati dagli Stati Uniti con la revisione al rialzo del pil statunitense relativo al secondo trimestre e il calo delle richieste di sussidi di disoccupazione. La lettura finale del pil relativo al secondo trimestre vede un progresso dell'1,7% annualizzato dal +1,6% della precedente lettura. In particolare ha sorpreso in positivo il dato sui consumi, +2,2% rispetto al +2% della precedente stima. Si tratta del ritmo più alto di crescita dei consumi dal primo trimestre 2007.

Wall Street ha aperto in rialzo di oltre mezzo punto percentuale con lo S&P 500 sopra quota 1.150 punti, sui massimi da inizio maggio. Da inizio mese l'indice guida della Borsa newyorkese risulta in rialzo di quasi 10 punti percentuale, miglior mese di settembre dal lontano 1939.
Dopo il positivo avvio di Wall Street, l'indice Ftse Mib viaggia nei pressi dei massimi di giornata a quota 20.712 punti (+1,67%). A livello settoriale in Europa a primeggiare è il comparto tecnologico (+1,21%), seguito da risorse di base e auto. A Milano Fiat viaggia in progresso di oltre il 4% a 11,47 euro, sui massimi degli ultimi 2 anni. Oggi l'a.d. del gruppo automobilistico torinese, ha dichiarato che il trimestre che si conclude oggi è stato migliore delle attese confermando che Fiat rivedrà al rialzo i target 2010. Sul futuro della neonata Fiat Industrial, il top manager ha ribadito di "essere aperto a tutte le partnership strategiche che permettano di rafforzare il business".
COMMENTA LA NOTIZIA