Fiducia imprese Usa: per analisti indice Ism manifatturiero in rialzo sopra soglia 50 pti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La fiducia delle imprese manifatturiere Usa di agosto (che sarà comunicata alle ore 16,00) dovrebbe registrare un modesto rialzo a 50,3 punti, tornando così al di sopra della soglia del 50 dopo due mesi in cui si è attestato in area di contrazione. La soglia dei 50 punti rappresenta lo spartiacque tra espansione e contrazione economica. È quanto stimato dagli analisti di Aletti Gestielle Sgr secondo cui l’indice Ism manifatturiero dovrebbe beneficiare del buon andamento delle business survey regionali, in particolare dell’indice Philadelphia Fed (in miglioramento a -7.1 ad agosto da -12.9 a luglio) e dell’indice Chicago Pmi (rimasto ad agosto in area di espansione, nonostante un modesto calo).
Secondo Aletti Gestielle Sgr l’attività manifatturiera negli Usa dovrebbe comunque rimanere moderata nei prossimi mesi, risentendo del rallentamento della crescita economica globale. Gli analisti evidenziano che tra le sottocomponenti dell’indice, dovrebbe registrare un consistente rialzo la voce relativa ai prezzi pagati, sulla scia dell’aumento del prezzo del petrolio e più in generale delle materie prime nel mese.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…