Fiducia imprese: Nomisma, dato gennaio meno buono di quello che appare

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 29/01/2014 - 15:45
"Il dato in rialzo della fiducia delle imprese di gennaio è meno buono di quello che appare. Al di là del clima più positivo nei servizi e nel commercio, preoccupano la battuta d'arresto nella manifattura e il marcato deterioramento nelle costruzioni" - dichiara Sergio De Nardis, capo economista di Nomisma. "Nella manifattura il segnale evidenzia un'attenuazione della fase di rialzi produttivi sperimentata negli ultimi mesi - afferma De Nardis - Vi influisce un ciclo delle scorte che ha presumibilmente contribuito a sospingere la produzione a fine 2013 e che ora agisce in senso inverso. Gli sbocchi per le vendite crescono a un ritmo lento, come mostrano la persistente debolezza degli ordini interni e la percentuale ancora elevata di imprese che vedono nell'insufficienza di domanda il principale ostacolo all'aumento della produzione". Secondo l'economista "questo si verifica in un quadro in cui il razionamento del credito non si riduce. Anzi la percezione da parte delle imprese industriali è semmai quella di un inasprimento: il 15,6% delle aziende che hanno domandato credito dichiara di non averlo ricevuto, percentuale che sale al 19,3% tra le piccole".


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA