1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Fiducia degli investitori in calo nel mese di gennaio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
 
Dopo il recupero del 2015, l‘indice globale ICI (Investor Confidence Index), cioè l’indicatore che misura la fiducia degli investitori, è sceso a gennaio a quota 108,8 punti, pari a -1,7 punti rispetto al mese di dicembre. Il calo della fiducia è stato guidato da una diminuzione in Nord America (da 110,5 a 108,8), in Asia (con un calo di 1,5 punti al livello 102,9) e anche in Europa, dove ha segnato una contrazione di 0,1 punti portandosi a quota 103,4. “Abbiamo assistito a uno scenario senza precedenti sui mercati azionari di tutto il mondo – ha commentato Jessica Donohue, executive vice president e chief innovation officer di State Street Global Exchange – I prezzi del petrolio in caduta, una reazione al rallentamento della domanda a fronte di un eccesso di offerta, e le dinamiche di crescita in evoluzione in Cina hanno spazzato via la fiducia degli investitori negli ultimi mesi“. 

Corrente ribassista

L’Indice di fiducia degli investitori, sviluppato da Kenneth Froot e Paul O’Connell di State Street Associates, la società di ricerca e servizi di consulenza di State Street Global Exchange, misura la fiducia degli investitori o la loro propensione al rischio analizzando l’effettivo acquisto e vendita di modelli da parte degli stessi investitori istituzionali. L’indice Ici – che si differenzia da misure basate su sondaggi in quanto si basa su attività reali e non pareri di investitori istituzionali – assegna un significato preciso alle variazioni delle scelte operate dagli investitori nei confronti della propensione al rischio: il valore 100 è neutrale, cioè è il livello in cui non sono né in aumento né in diminuzione le allocazioni a lungo termine per attività rischiose degli investitori.
I timori relativi all’indebolimento della crescita cinese e il crollo dei mercati petroliferi hanno indotto gli investitori istituzionali a credere che la capacità di spesa addizionale dei consumatori in Paesi non produttori di commodity possa rendere ancora più decisa questa ripida e improvvisa corrente ribassista piuttosto che rappresentare un’opportunità di acquisto“, è il commento di Ken Froot di State Street Associates .