1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fidia-Prima Industrie: punta a rafforzamento in Cina e guarda all’India

QUOTAZIONI Fidia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Fidia e Prima Industrie continueranno a guardarsi intorno a e valutare opzioni di crescita esterna. E’ quanto è emerso dall’incontro con la comunità finanziaria di questa mattina per la presentazione del progetto di fusione delle due società. Tanto per incominciare, entrambe vantano già una presenza in Cina, Paese emergente dalla crescita tumultuosa. “In Cina abbiamo una presenza significativa. Entrambe le società hanno infatti un ufficio a Pechino”, ha affermato il presidente e a.d. di Prima Industrie, Gianfranco Carbonato, che ha precisato che “Prima Industrie ha avviato una joint venture nel 1999 con una società cinese, e con la medesima società ha fatto una joint venture più recentemente anche Fidia, che però ha all’attivo ben due partnership nell’ex Celeste Impero. Tutte e due le società hanno più di 50 macchine istallate in Cina”. “Noi puntiamo sul Paese orientale per crescere ulteriormente”, ha concluso Carbonato. “Le joint venture in Cina”, ha poi spiegato il presidente di Fidia, Giuseppe Morfino, “ci servono per produrre merce più semplice rispetto a quella ‘made in Italy’ e per accontentare un tipo di clientela meno complesso, dato lo stato di sviluppo dell’economia in questione”. “Stiamo comunque verificando strategie comuni anche sul mercato cinese”, ha aggiunto Luigi Visconti, a.d. di Fidia. Ma la Cina non è tutto. Infatti, sempre secondo quanto affermato da Visconti, l’India è un Paese che “si sta tentando di approcciare, dato che entrambe le società da sole hanno una minima presenza sul mercato del Paese”.