Fideuram, con Intesa Private Banking diventa una delle principali realtà europee di settore

Inviato da Massimiliano Volpe il Lun, 31/03/2014 - 11:04
Con circa 5.700 private banker e 164 miliardi di euro di masse gestite a fine 2013, il gruppo Intesa San Paolo si prepara a dar vita ad una delle principali realtà europee del private banking grazie alla combinazione di Intesa Sanpaolo Private Banking, Fideuram Investimenti e Banca Fideuram. Secondo quanto indicato nel piano industriale del gruppo Intesa San Paolo presentato nei giorni scorsi il polo del private banking prevede ricavi in aumento a 1,7 miliardi di euro nel 2017 dai 1,3 miliardi nel 2013. La nuova realtà prevede le linee di sviluppo articolate su:

aumento della redditività dei clienti Intesa Sanpaolo Private Banking:

- estensione ai clienti ISPB degli elementi distintivi di Banca Fideuram: pianificazione finanziaria all'avanguardia (fee-based), "architettura aperta guidata", schemi remunerativi innovativi;

- lancio di azioni commerciali per aumentare la redditività della clientela ISPB: spostamento verso prodotti "contenitore" ad alto valore aggiunto, rinegoziazione delle condizioni con case terze, revisione dei meccanismi di pricing/deleghe;

focus su clientela private and high net worth (HNW):

- rafforzamento del posizionamento di mercato nel Private Banking tramite la creazione di una struttura dedicata alla clientela HNW e la valorizzazione del centro di competenza Private (prodotti, offerta commerciale);

evoluzione dell'offerta:

- evoluzione della gamma prodotti e della modalità di offerta, con particolare enfasi sui prodotti ad alto contenuto di servizio (ad esempio, rivisitazione delle gestioni patrimoniali e sviluppo dell'offerta private insurance);

sviluppo della rete distributiva:

- prosecuzione dello sviluppo della rete tramite acquisizione di nuovi promotori / private banker;

- crescita esterna tramite esportazione del modello di business in mercati internazionali in forte crescita (ad esempio, Turchia).



COMMENTA LA NOTIZIA