Fiat: utili trimestrali in crescita ma sotto le attese, target 2013 rivisti al ribasso

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Fiat Group ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto in crescita a 189 milioni di euro rispetto ai 171 milioni realizzati nello stesso periodo dell’anno scorso (rideterminato a seguito dell’adozione dell’emendamento allo IAS 19). Il risultato è al di sotto del consensus pubblicato dal Lingotto che prevedeva un utile netto pari a 265 milioni di euro. Per Fiat esclusa Chrysler, la perdita netta si è ridotta di 37 milioni di euro a 247 milioni di euro. I ricavi sono ammontati a 20,7 miliardi di euro, saliti dell’1,4% rispetto a dodici mesi fa (+8% a cambi costanti). L’utile della gestione ordinaria è stato pari a 816 milioni di euro, in calo rispetto ai 901 milioni di euro del terzo trimestre 2012 essenzialmente per l’impatto sfavorevole dei cambi di conversione, pari a 80 milioni di euro. A cambi costanti il risultato è in linea con quello dello stesso periodo del 2012.

L’indebitamento netto industriale al 30 settembre 2013 è pari a 8,3 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 6,7 miliardi di euro di fine giugno. Il debito netto industriale di Fiat esclusa Chrysler è di 7,1 miliardi di euro, con un incremento di 1,7 miliardi di euro rispetto a fine giugno. La liquidità disponibile complessiva è pari a 20,1 miliardi di euro, in diminuzione di 0,8 miliardi di euro rispetto alla fine del secondo trimestre.

Obiettivi 2013 rivisti al ribasso
Fiat Group ha aggiornato i propri obiettivi per il 2013, sulla base dei risultati dei primi nove mesi dell’anno, nonché delle attese sulla performance operativa e sull’andamento dei cambi per l’ultimo trimestre. I ricavi ora sono previsti a circa 88 miliardi di euro (da un intervallo tra 88 e 92 miliardi di euro, corrispondente ad un intervallo tra 84 e 88 miliardi di euro a cambi correnti), l’utile della gestione ordinaria visto nell’intervallo tra 3,5 e 3,8 miliardi di euro (da un intervallo tra 4,0 e 4,5 miliardi di euro, corrispondente ad un intervallo tra 3,7 e 4,2 miliardi di euro a cambi correnti), l’utile netto nell’intervallo tra 0,9 e 1,2 miliardi di euro (da un intervallo tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro, corrispondente ad un intervallo tra 1,0 e 1,3 miliardi di euro a cambi correnti); l’indebitamento netto industriale nell’intervallo tra 7 e 7,5 miliardi di euro (da circa 7 miliardi di euro, che non includevano circa 0,2 miliardi di euro di impatto negativo dovuto agli investimenti in partecipazioni del terzo trimestre al netto dell’effetto cambi).

I conti di Chrysler
Di ben altro tenore i conti pubblicati in mattinata da Chrysler. La controllata Usa ha riportato nel terzo trimestre del 2013 un utile netto in crescita del 22% a 464 milioni di dollari rispetto ai 381 milioni registrati nell’analogo periodo dell’anno scorso. I ricavi netti sono aumentati del 13,5% a 17,564 miliardi di dollari dai 15,478 miliardi di dodici mesi fa mentre l’utile operativo modificato si è attestato a 862 milioni in confronto ai 706 milioni del terzo quarto del 2012 (+22%). L’indebitamento finanziario netto al 30 settembre è pari a 888 milioni di dollari, in aumento dai 656 milioni di fine giugno e ai 693 milioni di un anno fa.

Chrysler ha confermato la guidance per l’intero 2013 e prevede che le consegna globali saranno pari a circa 2,6 milioni. I ricavi netti dovrebbero attestarsi a 72-75 miliardi di dollari, l’utile operativo modificato a 3,3-3,8 miliardi, l’utile netto a 1,7-2,2 miliardi e il free cash flow almeno di 1 miliardo di dollari.

Crollo di Fiat a Piazza Affari dopo la pubblicazione dei conti trimestrali. Il titolo sul Ftse Mib al momento è sospeso per eccesso di ribasso con un  calo teorico del  5,75% a 5,495 euro.