Fiat sulla retta via, il mercato scommette sull'accordo con GM

Inviato da Redazione il Lun, 27/12/2004 - 12:09
Quotazione: FCA CHRYSLER
Qualche ordine di acquisto fiocca su Fiat. Il titolo del Lingotto si muove in sordina sull'S&P, spuntando un +0,40% a quota 5,88 euro. A dieci giorni dall'avvio ufficiale della mediazione in corso con General Motors, Fiat è riuscita ad ottenere l'allungamento di due anni, quindi al 31 gennaio 2008, il diritto di riacquisto del 51% della società finanziaria, Fidis. L'argomento per gli addetti ai lavori non è cosa da poco: costituisce, infatti, motivo di disputa per la validità dell'opzione put vantata nei confronti di General Motors. Sul mercato in molti sostengono che questo passaggio potrebbe far presagire il raggiungimento di un accordo di massima tra Fiat e il partner americano, GM. Gli analisti interpellati da Spystocks sono per una valorizzazione della put tra i 2 e 3 miliardi di euro. Poche la chance su una battaglia in tribunale, che sarebbe dispendiosa di tempo e risorse. Sergio Marchionne, numero uno di Fiat, ha dato mandato pieno di trattare con Detroit. E mentre la squadra di tecnici è al lavoro, secondo indiscrezioni di stampa, Marchionne starebbe preparando un appuntamento con Richard Wagoner nei primi giorni di gennaio proprio nell'ambito del processo di mediazione iniziato per raggiungere un accordo sul put. Dall'altra parte la procedura avviata dagli americani lascia tempo fino al 6 gennaio per il primo faccia a faccia tra i due contendenti. I manager avranno poi altri dieci giorni per trovare un accordo. Per non far sfumare l'opportunità giovedì scorso il Cda dell'azienda torinese ha cooptato in consiglio come membro indipendente l'Ad di STM e vice presidente di Confindustria, Pasquale Pistorio, e ha deciso di riorganizzare le partecipazioni del gruppo, oltre ad aver esaminato i dati preliminari del bilancio 2005.
COMMENTA LA NOTIZIA