1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fiat: Ipo Chrysler, nessuna offerta entro il 2013

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Niente Ipo per Chrysler quest’anno. Fiat ha comunicato che il consiglio di amministrazione della controllata statunitense, “dopo essersi consultato con i possibili underwriters dell’offerta pubblica di Chrysler Group e con i propri consulenti legali, ha ritenuto non fattibile il lancio ed il completamento di un’offerta pubblica da parte di Chrysler Group prima della fine del 2013“. Così una nota diramata dal Lingotto. “Fiat – spiega il comunicato della casa torinese – continua a sostenere gli sforzi che Chrysler Group sta compiendo al fine di adempiere i propri vincoli contrattuali verso il Veba e si attende che Chrysler Group continui a lavorare per compiere i passi necessari a consentire il lancio di un’offerta nel primo trimestre del 2014. Non è possibile assicurare se e quando un’offerta verrà lanciata poiché il lancio sarà subordinato alle condizioni di mercato ed alle ulteriori valutazioni del caso”.

La notizia arriva dopo le ultime indiscrezioni che davano l’approdo di Chrysler sulla borsa a stelle e strisce già nella prima metà di dicembre. L’accelerazione dell’iter sarebbe stata dovuta alla volontà di aumentare la pressione su Veba al fine di trovare un accordo con Fiat per la cessione della propria quota al gruppo torinese ed evitare così l’Ipo. Per il Wall Street Journal, la fissazione della fascia di prezzo sarebbe avvenuta già questa settimana con una raccolta tra 1,5 e 2 miliardi di dollari dal collocamento del 16,6% del colosso di Detroit. Questa fascia di prezzo implicherebbe una valorizzazione complessiva di Chrysler pari a 9-12 miliardi di dollari, sostanzialmente in linea con quella su cui stanno discutendo le banche guidate da JP Morgan e Bofa Merrill Lynch di circa 10 miliardi di dollari.

Reazione decisamente negativa di Fiat a Piazza Affari. Il titolo sul Ftse Mib al momento segna un ribasso dell’1,01% a 5,895 euro.